Il coraggio al teatro Delle Muse di Roma

0

Il coraggio al teatro Delle Muse di Roma. In questo teatro  è in scena da pochi giorni un interessante lavoro, fino al 3 aprile, scritto e diretto da Geppi Di Stasio, che ne è anche coprotagonista, insieme a Wanda Pirol e Rino Santoro.

Il coraggio Film con gino cervi e TotòIl coraggio al teatro Delle Muse di Roma. In realtà, l’autore si è ispirato a un atto unico del 1919, scritto dal commediografo Augusto Novelli, dal quale, come qualcuno ricorderà, nel 1955 fu tratto un film. Pellicola prodotta dalla Dino de Laurentis, diretto da Domenico Paolella. Protagonisti (niente di meno!), Gino Cervi e Totò.

Il film Il coraggio con Gino Cervi e Totò

ll coraggio con Gino Cervi e TotòIl film raccontava l’incredibile storia di un imprenditore che aveva salvato un aspirante suicida, gettatosi nel Tevere. Con il dettaglio non indifferente che il “suicida salvato” (nel film interpretato da Totò), si presentò a casa dell’eroico “salvatore”, pretendendo di essere mantenuto da quest’ultimo! Con ovvia coda di situazioni comiche e paradossali, che si susseguivano a catena.

Il coraggio al teatro Delle Muse 

Geppi Di Stasio, con la sua colta sensibilità, ha inteso rivisitare questa storia, mettendo a fuoco gli aspetti psicologici che caratterizzano la speciale relazione, che viene a crearsi tra i due individui. Pilade, l’aspirante suicida, arriva a ritenersi “vittima” di un sopruso da parte del salvatore, Carlo Carloni.

Il coraggio: trama

Fatto sta che Pilade si piazza in casa di Carloni, e la sua presenza, inizialmente sgradita e mal sopportata per la sua pesantezza, si rivela salvifica per le sorti della famiglia Carloni e della sua azienda. Pilade, infatti, scopre che Elena Carloni, la moglie del commendatore, ha una tresca con il suo amministratore. Entrambi sono addirittura in combutta, per impossessarsi della ditta Carloni.

 

Il coraggio la teatro delle Muse di RomaContestualmente, il figlio Venceslao, invano insidiato dalla cameriera Celestina, si è innamorato di Gertrude, la quale ha abbandonato la clausura conventuale per amore suo. In sostanza, Pilade riesce nel compito, non facile, di aggiustare tutte le cose, rendendo giustizia e senza scontentare nessuno.

Il coraggio è una commedia acuta di Geppi Di Stasio

Il coarggio di Geppi Di Stasio Al teatro delle MuseNe nasce così una commedia acuta, che si fonda soprattutto sul rapporto di coppia tra Carlo Carloni ed Elena, fatto di frecciate ironiche e pesanti, e sul rapporto tra lo stesso Carloni e Pilade, che diventa il regista occulto di un intrigo divertente e fluido. Se inizialmente questi cerca di imporre la sua presenza, sgradita a tutti, il suo modo di agire si rivela benefico e facilità l’happy end.

 

I tre protagonisti,Wanda Pirol (Elena), Rino Santoro (Carlo)  e Geppi Di Stasio (Pilade), danno vita ad altrettanti personaggi carichi di verve e di colore. Allo stesso tempo profondi e genuini, confermandosi ancora una volta le colonne portanti della compagnia stabile del Teatro Delle Muse.
Con loro sul palco ben figurano Carlo Badolato, nel ruolo dell’amministratore infedele Italo Traffici,Marisa Carluccio, che veste i panni della cameriera Celestina, Antonio Mirabella, nella parte del figlio Venceslao eGiorgia Lepore, che ben descrive la chiesastica ingenuità della fidanzata Gertrude, fidanzata che si scoprirà essere….

Un lavoro teatrale veramente gradevole

Nel complesso abbiamo assistito a un lavoro veramente gradevole, di ottimo livello artistico, ben interpretato e ben diretto.
Da vedere!

Salvatore Scirè

 

Condividi
Articolo precedenteParto o non parto al Tirso de Molina
Prossimo articoloThe Role of the Rug in Arts Crafts and Design
Salvatore Scirè
giornalista e fotografo – commediografo e regista teatraleLaureato in Giurisprudenza, ha studiato lingue straniere e musica. In campo giornalistico si è occupato di vari temi, ma ha sempre prediletto il reportage geografico, formando testi e foto e pubblicando su importanti testate nazionali.E’ autore di tre libri fotografici: Roma nel cuore (Rizzoli Editore l982, prefazione di Carlo Lizzani) Gargano spettacolo della natura (Ed. Magnus 1987, prefazione di Nantas Salvalaggio) Roma colori del tempo (Il Capitello 1989 - II ediz. 2000 - prefazione di Giulio Andreotti). Ha pubblicato il saggio umoristico Donne... maneggiare con cura! (Liux Edizioni 2012)Da 22 anni scrive per il teatro come commediografo; da 16 anni si occupa anche di regia teatrale. Ha scritto una ventina di commedie, tra cui Professione separata! Ciao papà, ti presento mia madre!Cocktail di scambi; C’è un morto giù in cantina!

Nessun commento