John Wick 2 al cinema

0
339

Un film come questo, John Wick 2 avrebbe potuto farlo solo lui, Charles F. Stahelski, in arte Chad Stahelski, appassionato fin da bambino di arti marziali, con svariate cinture nere al suo attivo. Ed è anche stato uno dei primi americani a competere in Giappone per lo Shooto, il più famoso concorso di arti marziali.

 

Per non farsi mancare nulla poi, è stato anche un valente stuntman, facendo la controfigura di Brandon Lee ne Il corvo, e di Keanu Reeves nella trilogia di Matrix. Ed un film come questo non avrebbe potuto essere firmato che da lui.

 

Vi diciamo tutto questo per prepararvi al fantastico balletto ed alle straordinarie coreografie di John Wick 2 , un vero musical d’azione che ha incassato finora nel mondo, solo nei primo venti giorni di programmazione, già 128 milioni. Cifra che però non riesce nemmeno lontanamente a farvi immaginare quello che vedrete in sala, in più di 300 copie, dal 16 marzo con la Eagle Picture in collaborazione con Leone Film Group.

Qui, in John Wick 2, Keanu Reeves si rimette i panni del leggendario sicario del titolo per le brame di potere di un ex socio, che vuole prendere il controllo dell’internazionale Hight Table, la stanza dei bottoni del crimine mondiale che oltre alla mafia e alla camorra riunisce la creme de la creme, dieci boss in tutto, che gestiscono il male world wide.

Ma, per farlo, il camorrista Santino d’Antonio(Riccardo Scamarcio) deve scalzare la sorella Gianna(Claudia Gerini), che quel posto l’ha ereditato dal padre. Forte di un patto di sangue lo spietato Santino, costringe John ad eliminare sua sorella, momentaneamente in trasferta a Roma per essere incoronata e sedere alla tavola dei dieci, occupando così il posto che Gianna ha ereditato dal padre.

Ed è subito strage. I morti non si contano più, nel succedersi infinito di duelli mordi e fuggi all’ultimo sangue, con una spettacolare coreografia a bout de souffle, che vi restituirà il respiro solo agli ultimi secondi dell’incredibile ritorno dell’ormai leggendario sicario diventato ancora più letale ed implacabile, visto che uccidere è la cosa che gli riesce meglio. Famoso soprattutto, per aver ucciso in un bar tre persone, con una semplice matita.

Vi assicuriamo poi che non rimarrete di certo insensibili di fronte a queste irresistibili scene d’azione, concepite e girate in funzione di quelle straordinarie ed eleganti coreografie che ci hanno letteralmente incantato. E rimarrete davvero increduli vedendo come il cinema, quello vero, riesca nel non facile compito di coniugare, necessità tattiche con un’eleganza marziale al limite della danza, in ogni singolo adrenalitico movimento, di una estetizzante ed inimmaginabile violenza. In quanto alle location non solo New York, ma anche l’incantata ed incantante Roma vista in tutta la sua bellezza e da inusitati scorci di storici angoli come le Terme di Caracalla, gli Orti Sallustiani, Piazza Navona, oltre alla Galleria d’Arte Moderna, teatro della resa dei conti nella stanza degli specchi.

Insomma un film da non perdere, giovedì 16 marzo  con un Keanu Reeves in forma smagliante che certo non vi deluderà. Si accettano scommesse…

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteIl mistero dell’assassino misterioso – Recensione
Prossimo articoloTuri Simeti a Palermo
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento

Rispondi