Arte in galleria dal 13/09/2021 al 19/09/2021

0

Selezione accurata delle esposizioni nelle pinacoteche, nei musei, nelle gallerie d’Arte di Roma a cura di Cristiano Felice dal 13/09/2021 al 19/09/2021

28 PIAZZA DI PIETRA FINE ART GALLERYArti Visive Piazza di Pietra 28, Roma. PASSEPARTOUT PHOTO PRIZE. Collettiva con le opere di: Giorgia Bisanti, Cristina Cusani, Silvia De Giorgi, Valeria Laureano, Oriana Majoli, Diana Cheren Nygren, Francesca e Alessandra Oro, Laura Pannack, Sara Petraglia, Clair Robins, Zeroscena. Fino al 22 Settembre 2021.

ACCADEMIA DI FRANCIA – VILLA MEDICIArti Visive Viale della Trinità dei Monti 1, Roma. ART CLUB#32. Personale di Mircea Cantor. Fino al 19 Settembre 2021.

ATELIER MONTEZArti Visive Via di Pietralata 147, Roma. BEPART. 45.000 opere a Roma per una mostra da record: è il traguardo ambizioso che si è dato il progetto “BepArt” per proporre al pubblico la più imponente collettiva su scala mondiale che – a causa degli impedimenti provocati dal lungo lockdown – si è trasformata in un gigantesco laboratorio sulla creatività nei mesi della pandemia. Fino al 31 Dicembre 2021.

 

FORUM AUSTRIACO DI CULTURA A ROMAArti Visive Viale Bruno Buozzi 113, Roma. TOUCH NATURE. La mostra presenta i lavori di artisti austriaci e italiani degli ultimi anni. Essi formulano azioni di resistenza ed elaborano strategie che incoraggiano un radicale cambiamento di prospettiva, come anche visioni piene di speranza per una riconnessione dell’uomo alla natura. Con opere di: Leone Contini, Veronika Dirnhofer, Ines Doujak, Andrea Francolino, Peter Hauenschild, Edgar Honetschläger, Barbara Anna Husar, Claudia Märzendorfer, Elena Mazzi, Ferdinand Melichar, Luana Perilli, Klaus Pichler, Oliver Ressler, Judit Saupper, Hans Schabus, Martin Schramf, Judith Wagner, Nives Widauer, Laurent Ziegler. Fino al 15 Novembre 2021 

GAGGENAU DESIGNELEMENTIArti Visive Lungotevere de’ Cenci 4, Roma. FIORI INVISIBILI. Personale del duo Ttozoi. Fino al 12 Novembre 2021.

GALLERIA BORGHESEArti Visive Piazzale Scipione Borghese 5, Roma.ARCHAEOLOGY. Personale di Damien Hirst. Fino al 7 Novembre 2021 

GALLERIA VALENTINABONOMOArti Visive Via del Portico d’Ottavia 13, Roma. WE ARE THE LAND. Personale di Pietro Pasolini. Fino al 30 Settembre 2021.

THE GALLERY APARTArti Visive Via Francesco Negri 43, Roma. NEW KINETIC MELODIES: ON MIRACLES, DISASTERS AND MUTATIONS FOR THE FUTURE. A distanza di quasi tre anni il collettivo russo Chto Delat (What is to be done?) torna ad esporre negli spazi di The Gallery Apart con la mostra Nuove melodie cinetiche: su miracoli, disastri e mutazioni per il futuro. Il progetto illustra al meglio l’urgenza degli artisti di rispondere ai cambiamenti in atto in un mondo in continua trasformazione. Fino al 24 Settembre 2021.

INSTITUTO CERVANTES A ROMAArti Visive Piazza Navona 91, Roma. GOYA FISIONOMISTA. La mostra analizza i rapporti dei volti di Goya con i trattati di fisiognomica dell’epoca. Queste teorie aggiornano i parallelismi tra esseri umani e animali popolari già nel XVI secolo e che favorirono la moda di studiare l’animalità del volto umano e delle sue espressioni. La caratteristica essenziale dei volti creati da Goya è la brutalità, poiché le emozioni sono mostrate nella loro forma più pura. Quella lucidità, che Goya raggiunge con l’intuizione del suo genio, è composta da tre tipi di fisionomie: l’animale, la patologica e la degradata. Ecco perché è rivelatore confrontare le stampe di Goya con i trattati dell’epoca. Nel periodo di formazione e di attività del pittore aragonese, le opere sulla fisionomia raggiunsero una straordinaria diffusione sociale in tutti i ceti sociali. Nonostante la scarsa credibilità scientifica di questa pseudo-scienza che è stata parte della conoscenza popolare, segue delle regole che, successivamente, hanno agito come codici iconografici utilizzati in tutta la Storia dell’Arte. Fino al 18 Settembre 2021.

ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA A ROMAArti Visive Via Antonio Gramsci 74, Roma.LA PARATA DEGLI YOKAI. Creature soprannaturali dal Giappone. La mostra presenta la cultura giapponese degli yōkai che arriva ai giorni nostri attraverso dipinti su rotolo e stampe-broccato nishiki-e in primis, per poi traslarsi nei diversi media, come giocattoli o film. Gli yōkai giapponesi appaiono pure in innumerevoli racconti, personaggi ad hoc per esprimere le forze soprannaturali, per provocare sorpresa o incutere timore. Con il passare dei secoli e lo sviluppo della società moderna, gli yōkai sembrano avere perduto l’iniziale allure orrifica a favore di un’immagine più rassicurante. Il Giappone possiede ancora forte tuttavia l’interesse verso i kaidan, racconti di fantasmi e storie del soprannaturale, soprattutto in estate, quando gli yōkai imperversano in Tv e nei teatri dell’intero paese. LA PARATA DEGLI YŌKAI pone l’accento sulla popolarizzazione dell’universo di mostri-spettri&co, invitando la platea internazionale ad avventurarvisi ed esplorare la profondità dell’immaginario horror del Giappone di tutti i tempi. Il titolo si ispira all’omonimo tema classico dell’iconografia yōkai, il cui più antico esempio giunto fino a noi è il dipinto su rotolo di epoca Muromachi (1336-1573) attribuito a Tosa Mitsunobu. Fino al 22 Ottobre 2021.

MACROArti Visive Via Nizza 138, Roma.SONGS OF EXPERIENCE. Personale di Friedl Kubelka vom Gröller. Fino al 10 Ottobre 2021.

MATERIA GALLERYArti Visive Via Tiburtina 149, Roma. MANTA RAY. Collettiva con le opere di: Eduardo Fonseca, Silva & Francisca Valador, Helena HladilovaJacopo PaginCatherine Parsonage, Amedeo Polazzo. Fino al 16 Ottobre 2021.

MAXXIArti Visive Via Guido Reni 4a, Roma. L’ARCHITETTO E LE CITTA’. Dedicata a Aldo Rossi. Fino al 17 Ottobre 2021.

MAXXIArti Visive Via Guido Reni 4a, Roma. THE INDEPENDENT WALL. Il progetto presenta la mappatura online delle realtà indipendenti, monitorando i territori delle iniziative attive in questo campo a livello nazionale e internazionale. Avviata nel 2014 attraverso una open call, dal 2019 la mappatura si estende tramite l’apporto di una serie di contributors che propone ogni anno una selezione dei più innovativi gruppi e spazi della costellazione indipendente. La parete espositiva del wall si configurazione come il sito web dedicato theindependentproject.it, e attraverso un disegno grafico, il muro diventa una pagina navigabile che esplora le diverse traiettorie in cui The Independent ha articolato la sua azione: AboutIndependentsThe wallJournal GaribaldiSummit. Fino al 4 Dicembre 2021.

MILLEPIANI – Arti Visive Via Niccolo Odero 13, Roma. ENVIRONMENTAL ALTERATIONS. Collettiva con le opere di: Aurora Del Rio, Daniel Kariko, Danny Franzreb, Elham Angell, Evgenia Efstathiou, Ingrid Weyland, Jim Ferguson, Kirsten Hoving, Mark Sawrie, Marko Milić, Matteo Capone, Ryan Andrew Lee, Sofía del Pedregal, Tom Ridout, Alina Kashitsyna, Andrea Daddi, Andrew Bryant, Cristobal Ascencio Ramos, Daisy Wilford, Deb Step, Gwen Walstrand, James Quinn and Judith Stewart, Joey Solomon, Joshua McGowan, Maha Alkhateeb, Maura Jamieson, Michael Cordisco, Richard Martin Vidal, Stojan Saveski, Yuliana Paranko, Anya Tikhomirova, Betsey Hansell, Eduardo Martinez, Faith Francke, James Bryan, Jiageng Lin, Josep Pulido Forns, Krista Gurcka, Maya Kachra, Mohamad Hossein Nourani, Naohiro Maeda, Sacha Rafaelle Assi, Sonya Ru, Sun Park, Susan Richman, Victoria Zakharova, WanRu Lin, Yevhen Samuchenko. Fino al 22 Settembre 2021.

 MUSEO HENDRIK CHRISTIAN ANDERSENArti Visive Via Pasquale Stanislao Mancini 20, Roma.ATELIER. Opere di Giuseppe Modica 1990-2021. Fino al 24 Ottobre 2021.  

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVEREInformativa Piazza S. Egidio 1B, Roma.XII PHOTO IILA – “SIAMO CIÒ CHE MANGIAMO.  In mostra le opere e i progetti  del vincitore e dei finalisti del XII PHOTO IILA, premio dedicato a fotografi latinoamericani under 35 realizzato in collaborazione con i Paesi latinoamericani membri dell’IILA. I fotografi partecipanti alla XII edizione del premio si sono confrontati con il tema “Siamo ciò che mangiamo”, ispirato ad uno dei 17 Obiettivi dello Sviluppo Sostenibile che fanno parte dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite, ovvero il numero 2, che si prefigge di “porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile”. IILA, in quanto Osservatore ONU, porta avanti queste tematiche nel proprio lavoro. Nel percorso espositivo si potranno apprezzare le foto di Santiago Carmona, vincitore di questa dodicesima edizione con un progetto realizzato fra il 2018 e il 2020, intitolato Exceso de abundancia, oltre alle opere dei finalisti Pablo Sosa, Menzione d’Onore con il progetto Ensayo sobre soberanía del 2020; Eric Javier Markowski, autore del progetto Lo que en la carne se conserva del 2016-2017; Ana Caroline de Lima, autrice di un progetto realizzato fra il 2015 e il 2019; Cristian Torres, con il progetto Bodegones, caminos y cocinas del 2019 e Carlo Tello, con il progetto Sentle del 2020. Fino al 31 Dicembre 2021.  

NUMERO CROMATICOArti Visive Via Carlo Caneva 60, Roma.TRE SCENARI SULLA PERCEZIONE DEL TEMPO. La mostra è visitabile solo di domenica su appuntamento. Che cosa sono passato, presente e futuro, se non prodotti della nostra percezione? Esiste solo una realtà sempre uguale e percepita come tale da tutti gli individui oppure esistono molteplici realtà, che cambiano da persona a persona? Tre Scenari sulla Percezione del Tempo: La Memoria, La Visione, L’attesa, un progetto espositivo ambientale e immersivo, ad opera del collettivo, inteso come un percorso a tappe e sempre mutevole. Le opere presenti e la mostra stessa cambieranno giorno dopo giorno a partire da tre principali scenari, tre momenti di attivazione, così da invitare i visitatori a farvi ritorno e viverne le evoluzioni e la crescita. Non si tratta di una mostra nel senso comune del termine, ma piuttosto di un’esperienza estetica polisensoriale che muove le proprie basi dalla ricerca artistica e scientifica del gruppo, attivo su questi temi dal 2011. Le tre tappe della mostra – La Memoria, La Visione, L’attesa – verranno presentate, in successione, dal 20 giugno al 20 dicembre 2021. Come sede è stato scelto un luogo chiuso da molti anni e riaperto per l’occasione, uno spazio molto peculiare adiacente al Cimitero Monumentale del Verano a Roma, nella storica area degli artigiani marmisti. Nello spazio predisposto dal collettivo si alterneranno diversi dispositivi che dialogheranno tra loro e con il contesto, permettendo al pubblico di vivere un’esperienza percettiva sinestetica e introspettiva. Il luogo diventa esso stesso opera, scenario appunto, una cappella privata che accoglie e integra in sé diversi elementi, portando a riflettere sul rapporto tra opera d’arte e fruitore, tra essere umano e ambiente, tra natura e artificio. Fino al 20 Dicembre 2021.

PARCO REGIONALE DELL’APPIA ANTICAArti Visive Via Appia Antica, Roma. PER APPIAM 2021. PSICHE E ARTE. LA RIVOLTA DEL PENSIERO PER IMMAGINI. Gli spazi dell’ex Cartiera Latina saranno animati da mostre, concerti, spettacoli e incontri incentrati sul tema “Psiche e arte. La rivolta del pensiero per immagini”. Nel corso del festival, all’interno della Sala Nagasawa, sarà possibile visitare le mostre personali di Roberta Pugno e Paolo Camiz e la collettiva di Daniele Giacomini, Ambra Graziani, Fabio Pagliarin, Stefania Panelli, Maria Grazia Perrelli, Simona Rapanà e Spiritree. Il 12 settembre è in programma un omaggio a Riccardo Marchetti. Fino al 19 Settembre 2021.

SALA SANTA RITAArti Visive Via Montanara 8, Roma. LO SPIRACOLO DI SANTA RITA. Progetto di Valeriana Berchicci. Fino al 15 Settembre 2021.

SPAZIO IN SITUArti Visive Via San Biagio Platani 7, Roma. VOYAGE / VOYAGE. Collettiva con opere di: Bertille Bak, Simone Cametti, Giovanni De Cataldo, Luca Grimaldi, Pierluigi Fabrizio, Martin Jakob, Daniel Ruggiero, Thomas Wattebled. Fino al 16 Ottobre 2021.

TEATRO BRANCACCIOArti Visive Via Merulana 244, Roma.HAIKU | OLIVETTI POEMS. Doppia personale di Francesco Thérèse e Hiromi Suzuki. Fino al 30 Settembre 2021.

Cristiano Felice

 

Nessun commento