“Carl, una ballata” al Teatro Vittoria

0
101
pieg_salviamotalenti2018_esterno

Nell’ambito della rassegna “Salviamo i talenti”, Premio Attilio Corsini 2018 giunto alla sua decima edizione, si è tenuto al Teatro Vittoria il primo di una serie di quattro spettacoli tra i quali una giuria composta dal pubblico dovrà sceglierne uno che la Compagnia Attori e Tecnici produrrà qualificandolo come “Teatro di domani”.

Il primo degli spettacoli sottoposti all’esame del pubblico il 30 maggio scorso porta il titoloCarl – una ballatala cui drammaturgia e la regia sono diGiulia Bartolini; già vincitore del Premio nazionale delle Arti presentato pochi giorni orsono al Teatro Trastevere di Roma.

Perché una ballata? Perché il lavoro si svolge in forma di una favola allo scopo di più facilmente penetrare l’interno della mente di ognuno di noi: Carl è un professore, uno scrittore di poco successo, che vive con lo moglie in una angusta casa di periferia; non ha amici, è insomma un solitario cui nemmeno la compagnia della moglie, dona ristoro alle sue introspezioni di scrittore inesitato.

Improvvisamente nella vita di Carl e della moglie appare uno sconosciuto che si introduce nella loro casa, quasi ne fosse il padrone e che inizia con loro un folle dialogo che costringerà Carl, a dover fronteggiare una realtà che non ha mai voluto vedere, fino ad arrivare alla scoperta della vera verità della sua vita fino a quel momento assolutamente mediocre.

Dramma misto ad una assurda forma di comicità repressa sono gli ingredienti di questa ballata, che induce lo spettatore-giudice alla riflessione sulla realtà esistente all’interno represso di se stesso.

Ottimi gli interpreti Luca Carbone, Francesco Cotroneo e Giulia Trippetta che abilmente diretti da Giulia Bartolini e sostenuti dalle musiche di Enrico Morsillo, riescono ad indurre lo spettatore a riflessioni che forse, anch’esso, non ha mai voluto affrontare.

Andrea Gentili

Nessun commento

Rispondi