Arte in galleria dal 16/04/2018 al 22/04/2018

0
610

Selezione accurata delle esposizioni nelle pinacoteche, nei musei, nelle gallerie d’Arte di Roma a cura di Cristiano Felice dal 16/04/2018 al 22/04/2018.

ACCADEMIA DI FRANCIA – VILLA MEDICI – Arti visive Viale della Trinità dei Monti 1, Roma.

LE NUMEROSE IRREGOLARITA’. Personali di Tatiana Trouvé e Katharina Grosse. Partendo da posizioni e stili apparentemente distanti, anche Katharina Grosse e Tatiana Trouvé hanno creato, per quest’occasione, un dialogo inedito e inaspettato. Con i loro rispettivi progetti, diversi eppure complici e complementari, le due artiste, nate entrambe negli anni Sessanta, hanno ribaltato i confini delle superfici di Villa Medici. Se Katharina Grosse elegge la pittura, intesa come membrana, a suo principale mezzo espressivo, Tatiana Trouvé indaga le infinite variabili e possibilità del disegno: la potenza imprevedibile del colore s’intreccia con la seduzione di un oggetto scultoreo ricontestualizzato. “In entrambe — scrive Chiara Parisi — emerge una radicalità condivisa, fondata sull’idea di rovesciamento. Nel caso di Katharina Grosse, lo spazio in ogni sua manifestazione è esaltato dalla pittura. Non è più la tela a ospitare un paesaggio, ma è il paesaggio a farsi superficie pittorica. Con un orientamento analogo, Tatiana Trouvé architetta assemblaggi e accostamenti imprevedibili. Così nascono opere che, sebbene partano da elementi concreti, ci fanno perdere la familiarità che abbiamo con determinati oggetti.” Il percorso espositivo si apre con le sculture di Tatiana Trouvé Notes on sculptures, September 15th, “Jill” 2016 e “Peter” 2016 in dialogo con la seta dipinta Ohne Titel (2013/2018) di Katharina Grosse. Da un lato, gli appunti tridimensionali — sculture e frammenti di altrettante installazioni — che Tatiana Trouvé definisce “annotazioni sculturali”, dall’altro, la manifestazione tangibile da parte di Katharina Grosse di un insaziabile appetito per lo spazio plasmato dalla pittura, congiunto alla sua grande capacità di moltiplicare gli spazi architettonici. Uniti e sovrapposti, questi quattro lavori rappresentano il paradigma di un corpo a corpo, di un confronto sorprendente e originale da cui emergono condivise irregolarità. La grande galleria dei cavalli ospita Ingres wood (2018) di Katharina Grosse. Trovandosi impossibilitata a intervenire direttamente sulle superfici di Villa Medici, l’artista ha utilizzato alcuni tronchi abbattuti, trovati nel giardino mediceo, di uno dei grandi pini che Ingres fece piantare nel parco di Villa Medici negli anni della sua direzione all’inizio del 1800. Attraverso le sue inconfondibili invenzioni di colore, Katharina Grosse dà nuova vita alla storia dell’albero che sparisce sotto la sua azione. Ne riconfigura anche il contesto, portando una porzione di giardino all’interno della Villa con la temporanea dislocazione dell’elemento naturale. La scalinata sotto il soffitto a cupola diventa così la nuova dimora di quest’albero secolare, i cui rami s’inclinano su un ampio drappeggio, ricoprendo i gradini. La sensazione è quella di trovarsi in un sensuale corpo a corpo tra le linee dell’albero e le diverse combinazioni di pittura che l’artista ha creato per giorni e giorni. Subito dopo, s’incontrano le opere Wander Lines (2016) e Les Indéfinis (2017) di Tatiana Trouvé. Nel primo caso si tratta di una scultura le cui aste metalliche riprendono le tracce di un percorso di erranza nello spazio. Les Indéfinis riunisce opere dell’artista che rimangono a una soglia. Esistono, ma non trovano posto nell’economia generale di un’opera: non sono né i rifiuti né gli scarti di una produzione. Semplicemente, non riescono a connettersi con gli altri e rimangono ai margini, isolati, fino a quando non creano un tutt’uno. La mostra si conclude nello spazio dell’antica Cisterna romana di Villa Medici con le opere di Tatiana Trouvé realizzate nel 2017. Installazioni che, nei casi di Somewhere In The Solar System, The Great Atlas of Disorientation e Evaporating Crater, evocano forme di capanne e incorporano mappe di migrazioni antiche e odierne. From 2002 to 2016 è invece un’opera composta da un assemblaggio di saponi in bronzo, ognuno dei quali è collegato a una mostra, associata al lavoro di diverse persone nello studio dell’artista: quando il lavoro è finito ed è pronto a partire per il suo luogo di esposizione, la forma del sapone è modellata. Questa piccola scultura è in qualche modo il risultato di un lavoro condiviso da molte mani. Fino al 29 Aprile 2018.

ALBUMARTE – Arti visive Via Flaminia 122, Roma.

PARADISO. Collettiva con opere di Marlon de Azambuja (Brasile), Elena Mazzi (Italia), Estefanía Peñafiel Loaiza (Ecuador), Juan Esteban Sandoval (Colombia), Óscar Santillán (Ecuador). Dalla cantica del Paradiso nella Divina Commedia di Dante, fino al Paradiso sensuale di José Lezama Lima, passando per il Paradiso perduto di John Milton, la mostra ha dei riferimenti letterari e una valenza contemporanea che mette in discussione i concetti di luogo ideale, punto di osservazione privilegiato, disincanto e utopia. L’America Latina, considerata fin dai tempi della colonizzazione un territorio vergine dove tutto può succedere, è diventato ai nostri giorni spazio sperimentale di democrazia partecipata e progresso della società, è stata concepita come un paradiso. In questo stesso continente pieno di aspettative e contraddizioni, si produce una parte importante del pensiero critico del nostro tempo e del fermento artistico internazionale. In un contesto di ideologie che stanno scomparendo, relazioni complesse tra esseri umani e Natura ed esclusioni di ogni tipo ci sono, come afferma la sociologa economista statunitense Saskia Sassen, ‘spazi di tensione’, interpretati in PARADISO dalle opere dei cinque artisti che presentano una mostra composta da vari linguaggi, legati tra loro dall’insofferenza etico-politica per l’uso arbitrario dell’ambiente e dello sfruttamento incongruo delle risorse umane, rappresentata attraverso un linguaggio molto poetico. In mostra vengono presentate opere video, installazioni, lavori a tecnica mista o realizzate con reperti naturali. Tutti gli interventi ci fanno riflettere su dove stiamo andando e come stiamo compiendo il viaggio, dopo la globalizzazione dell’economia e l’alterazione del tessuto sociale economico, sociologico e politico delle nazioni e delle città. I quattro artisti latinoamericani in mostra hanno tutti una vasta esperienza internazionale e collaborazioni con importanti musei come il Jeu de Paume di Parigi o il MUAC di Città del Messico, e sono presenti in collezioni prestigiose come il Centro Atlántico de Arte Moderno (CAAM), Las Palmas di Gran Canaria o la Fundación Helga de Alvear, mentre l’esordiente Elena Mazzi – che sta arricchendo il suo curriculum di valenti premi e residenze – nel 2016/17 è stata artista tutor presso la fondazione Spinola Banna di Torino. Fino al 21 Aprile 2018.

AOCF50 – GALLERIA BRUNO RISI – Arti visive Via Flaminia 58, Roma.

VIENNA. OMBRE, ROSE, OMBRE. Personale di Orit Drori. Fino al 5 Maggio 2018.

CASA DI GOETHE – Arti visive Via del Corso 18, Roma.

CANTI DI COLORE. Personale retrospettiva di Hans Werner Henze. Fino al 20 Maggio 2018.

CHIOSTRO DEL BRAMANTE – Arti visive Arco della Pace 5, Roma.

TURNER – OPERE DALLA TATE. Per la prima volta in mostra a Roma una raccolta di opere esclusive dell’artista inglese Joseph Mallord William Turner. Fino al 26 Agosto 2018.

CHIOSTRO DEL BRAMANTE – Arti visive Arco della Pace 5, Roma.

UNA PITTURA CHE RACCONTA LA LUCE. Personale di Natale Addamiano. L’esposizione presenta due serie – per un totale di 25 opere – che hanno caratterizzato il pensiero dell’artista nel corso degli anni e sono state oggetto di un’incessante revisione. Fino al 2 Maggio 2018.

COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN GIOVANNI IN LATERANO – Arti visive Piazza di San Giovanni in Laterano 74, Roma.

KLIMT EXPERIENCE. “Klimt Experience è una rappresentazione multimediale dedicata alla vita e alle opere del Padre fondatore della Secessione che, assieme ad altri artisti, coltivò il mito dell’opera d’arte totale, della democratizzazione del bello e della creatività. Opere come il Bacio, l’Albero della vita, oppure Giuditta, sono entrate a far parte della cultura popolare. Eppure Klimt resta un artista da scoprire e soprattutto da raccontare. Questo è l’obiettivo del percorso esperienziale; entusiasmare, affascinare, meravigliare il pubblico di giovani e adulti invitandoli ad approfondire la conoscenza dell’uomo e dell’artista, la comprensione delle sue opere, la lettura stilistica attraverso la messa in scena spettacolare dei dettagli e della tecnica pittorica. Klimt è sicuramente al pari di Picasso l’artista necessario per meglio capire il passaggio dall’arte e dalla società ottocentesca a quella novecentesca. Com’è stato scritto: “La pittura di Klimt, come tutta la grande arte, può essere considerata, al di là delle circostanze del tempo, sub specie aeternitatis”. Artista universale ha dato immagine alla cultura del proprio tempo, ai nuovi gusti e stili di vita, nei suoi magnifici ritratti ha saputo cogliere nel profondo i turbamenti della psicologia umana oltre la superficie patinata investigando temi fondamentali quali la vita e la morte, la nascita e il dolore, l’amore, il rapporto tra uomo e donna, quello tra le generazioni. Klimt Experience, grazie all’emozionante colonna sonora, alla straordinaria qualità delle immagini selezionate dallo storico dell’arte Sergio Risaliti e dal regista Stefano Fomasi, al contributo didattico dell’area introduttiva alla mostra arricchita dall’esperienza integrata di realtà virtuale con gli Oculus VR e dall’esposizione degli abiti con le textures disegnate dall’artista viennese, propone al visitatore un’immersione totale, senza soluzione di continuità, in un mondo simbolico, enigmatico e sensuale, dove si realizza il trionfo di un’arte senza confini. Fino al 10 Giugno 2018.

COMPLESSO DEL VITTORIANO – Arti visive Via di San Pietro in Carcere, Roma.

ICONS. Terry O’Neill e i “volti delle celebrità” raccontano i mitici anni ‘60 e ‘70. Fino al 20 Maggio 2018.

COMPLESSO DEL VITTORIANO – Arti visive Via di San Pietro in Carcere, Roma.

MONET. In mostra circa 60 opere, le più care all’artista e che lo stesso conservava nella sua ultima, amatissima dimora di Giverny: prestiti eccezionali tutti provenienti dal Musée Marmottan di Parigi che nel 2014 ha festeggiato gli 80 anni di vita e che raccoglie il nucleo più importante e numeroso le opere grandissimo artista francese, grazie alle donazioni dei collezionisti l’epoca e figlio Michel. Fino al 6 Giugno 2018.

COMPLESSO DEL VITTORIANO – Arti visive Via di San Pietro in Carcere, Roma.

LIU BOLIN – THE INVISIBLE MAN. Liu Bolin, l’artista di origine cinese definito “l’uomo invisibile”, ha raggiunto la fama internazionale come colui che ha fatto del camouflage il suo tratto distintivo. Fino al 1 Luglio 2018.

EX-ELETTROFONICA – Arti visive Vicolo di Sant’Onofrio 10-11, Roma.

PARADISE LOST. In questa mostra Tímea Oravecz vuole mettere in relazione il Paradiso Perduto, poema di John Milton, in cui si descrivevano le guerre civili che scuotevano la Repubblica Inglese, con le lotte intestine colombiane, conseguenza della guerra cinquantennale combattuta nel paese latino. Fino al 4 Maggio 2018.

FORUM AUSTRIACO DI CULTURA A ROMA – Arti visive Viale Bruno Buozzi 113, Roma.

ZWISCHEN SINN UND UNSINN (TRA SENSO E NON SENSO) – PAROLA, SUONO E IMMAGINE NELLA POESIA AUSTRIACA DEL 900. La poesia concreta si impone a livello internazionale fin dai primi anni cinquanta. A presentare questo fenomeno artistico, poco conosciuto in Italia, una mostra a cura di Giovanni Fontana e Piero Varroni, una conferenza e una performance dell’artista e poeta Gerhard Rühm, esponente del movimento d’avanguardia austriaco “Wiener Gruppe”. Fino al 4 Maggio 2018.

 

FUTURISM&CO ART GALLERY – Arti visive Via Mario De’ Fiori 68, Roma.

IL CORPO CON LE ALI. Eadweard Muybridge, Dirk Baumanns e il disegno futurista. Fino al 30 Aprile 2018.

GAGOSIAN GALLERY – Arti visive Via Francesco Crispi 16, Roma.

Personale di Shio Kusaka. L’artista, nota per i suoi lavori in continua tensione tra astratto e figurativo, ha sviluppato per Roma un progetto fortemente incentrato sulle geometrie dell’astrazione. Le ceramiche in mostra, variazioni sulla forma del vaso, sono disegnate e incise con linee geodetiche continue tramite un processo contemporaneamente sistematico e intuitivo. Fino al 26 Maggio 2018.

GALLERIA ALESSANDRA BONOMO – Arti visive Via del Gesù 62, Roma.

STREET HERMIT. Personale di Graeme Todd. L’esposizione è un insieme di piccoli lavori dipinti su legno, realizzati da Graeme Todd nel 2016 durante un periodo di residenza a Monteluco, nelle montagne vicino a Spoleto. Fino al 30 Aprile 2018.

GALLERIA HONOS ART – Arti visive Via dei Delfini 35, Roma.

ROMA MEMORIA PRESENTE. Questa mostra raccoglie 25 acquarelli di Pedro Cano ispirati all’impronta architettonica che la civiltà romana ha lasciato, oltre che a Roma, in posti diversi come Tivoli, la Croazia, la Siria o il Marocco. Fino al 31 Maggio 2018.

GALLERIA NAZIONALE DI ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA – Arti visive Via delle Belle Arti 131, Roma.

I IS AN OTHER | BE THE OTHER. Gli artisti in mostra, provenienti dal continente africano ma di formazione e ispirazione internazionale, condividono un orizzonte di ricerca comune sul rapporto con l’ignoto, che si individua a partire dall’incontro con l’altro. Fino al 24 Giugno 2018.

GOETHE INSTITUT ROM – Arti visive Via Savoia 15, Roma.

DELL’ABITARE INCERTO. Collettiva con le opere di Ulf Aminde, Andreas Lutz, Vittorio Messina. Fino al 29 Aprile 2018.

 

ISTITUTO CERVANTES A ROMA – Arti visive Piazza Navona 91, Roma.

LETRAS Y MARCAS. CALLIGRAFIA E BRANDING. L’esposizione che raccoglie il lavoro del graphic designer e calligrafo argentino classe 1936 Ricardo Rousselot, attraverso una retrospettiva di oltre 200 opere, la maggior parte originali. La mostra si articola in 5 sezioni che hanno l’obiettivo di contestualizzare la scrittura come elemento centrale dell’opera di Ricardo Rousselot e offrire alcuni esempi dei suoi lavori più recenti nel campo della creazione di ex libris, lettering, famiglie tipografiche e dello sviluppo di marchi commerciali. Realizzate dal suo studio Grupo Erre Rousselot di Barcellona, le opere esposte costituiscono una parte molto importante dell’arte visiva della Spagna moderna e includono loghi per aziende prestigiose come Casa Tarradellas, Ducados, Okey, Smoking, Cerveza Isleña, Bisonte, Fortuna, Farias, La Casera, El Corte Inglés, Alfaguara, Spanair e la testata del giornale La Vanguardia. Tra i grandi maestri della scrittura a mano di fine 900, Rousselot ha saputo rinnovare il ruolo della calligrafia nell’arte e nel disegno grafico. Il suo amore e la sua sensibilità per la lettera gli hanno permesso di dare vita ad una miriade di marchi, loghi e brand nei quali ha lasciato impressa la sua straordinaria facilità nell’uso della piuma e del pennello, perpetuando l’arte della bella scrittura. Nelle sue creazioni la cura per i piccoli dettagli e il rigore sono elementi imprescindibili. Art director, illustratore e fotografo per studi in Spagna, Stati Uniti e in Germania, Ricardo Rousselot è autore di iconici esempi di graphic design contemporaneo, come la copertina di Playboy Magazine del dicembre 1967, l’unica completamente disegnata a mano, sotto la direzione artistica di Wes Wilson. Fino al 21 Aprile 2018.

 

ISTITUTO CULTURALE COREANO – Arti visive Via Nomentana 12, Roma.

L’IMPRONTA DEL TEMPO: IERI, OGGI E DOMANI. Collettiva con opere di: Young hwang, Gyunghee Joh, JiHye kang, Taehyun Kang, Hwal Kyung Maria Kim, jaekyung kim, MiJin Kim, Sungil Kim, Seungwan Park, Yoosun Shin, Hyunsook Son, Hyun Sook, Sowhyung Sook. La mostra presenta le opere di ventidue artisti coreani che hanno approfondito la loro ricerca sul tema del tempo attraverso il linguaggio pittorico, scultoreo, fotografico, quello del tessuto d’arte e dell’installazione. Fino al 19 Aprile 2018.

 

ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA A ROMA – Arti visive Viale Antonio Gramsci 74, Roma.

JAPANESE DESIGN TODAY / 100. Una selezione di cento pezzi, tra design domestico/elettrodomestico e classici prodotti dagli anni ’50 in poi, testimoni dei trend estetici, economici e sociali di un Giappone che si esprime in maniera poliedrica, purché all’insegna di una quotidianità bella da vedere e tecnologicamente ineccepibile. Fino al 19 Maggio 2018.

 

ISTITUTO SVIZZERO DI ROMA – Arti visive Via Ludovisi 48, Roma.

SKULPTUR / FOTOGRAFIE. Personale di Roman Signer. Fino al 1 Luglio 2018.

 

MAXXI –MUSEO DELLE ARTI DEL XXI SECOLO – Arti visive Via Guido Reni 4a, Roma.

BLACKOUT. Personali di Jennifer Allora e Guillermo Calzadilla. Sculture, opere a parete, video di recente produzione raccontano le dinamiche di potere, la crisi energetica e la situazione difficile del Sud del mondo globalizzato e riflettono l’impegno degli artisti nell’analisi di concetti chiave della contemporaneità come l’identità nazionale, la democrazia, il potere, la libertà, la partecipazione e i cambiamenti sociali. Fino al 30 Maggio 2018.

 

MUCCIACCIA CONTEMPORARY – Arti visive Piazza Borghese 1a, Roma.

FLAGS. Personale di Daniel Jouseff. In mostra saranno esposte circa 25 opere che riflettono sul tema dell’identità, dell’origine e dell’appartenenza culturale. Le opere al piano terra raccontano il passaggio di un confine, mentre al piano superiore sarà realizzata una installazione site specific che scopre la forma mentis dell’artista. Fino al 5 Maggio 2018.

 

MUSEI CAPITOLINI – Arti visive Piazza del Campidoglio 1, Roma.

IL TESORO DI ANTICHITA’. WINCKELMANN E IL MUSEO CAPITOLINO NELLA ROMA DEL SETTECENTO. Una mostra per celebrare gli anniversari della nascita e della morte del fondatore dell’archeologia moderna, Johann Joachim Winckelmann (1717-1768). Fino al 22 Aprile 2018.

 

MUSEO PIETRO CANONICA – Arti visive Viale Pietro Canonica 2, Roma.

Personale di Landon Metz. Fino al 22 Aprile 2018.

 

MUSEO CENTRALE MONTEMARTINI – Informativa Via Ostiense 106, Roma.

EGIZI ETRUSCHI. DA EUGENE BERMANALLO SCARABEO DORATO. Il nuovo spazio per esposizioni temporanee della Centrale Montemartini inaugura con una mostra che pone al suo centro il dialogo tra due grandi popoli del Mediterraneo. Fino al 30 Giugno 2018.

 

PALAZZO CAVALLERINI LAZZARONIARTI VISIVE Via dei Barbieri 7, ROMA.

CONTEMPORARY CLUSTER #07. Tre mostre: Erica Curci. Ecdisi; Francesco Malcom. Malcøm XJ. Demsky. VCTRX. Fino al 1 Maggio 2018.

 

PALAZZO PAMPHILIARTI VISIVE PIAZZA NAVONA 14, ROMA.

ARTE MODERNA IN BRASILE – COLLEZIONE DELLA FONDAZIONE EDSON QUEIROZ. . Una selezione di oltre 70 opere tra pitture e sculture realizzate dai maggiori artisti brasiliani del periodo 1920-1960. Fino al 5 Maggio 2018.

 

PARIONE9 – STUDIO BANDAZZI – Arti visive Via di Parione 9, Roma.

Street Gods & divine sinners. Personale di Jose Witteveen. Fino al 22 Maggio 2018.

 

SCUDERIE DEL QUIRINALE – Arti visive Via XXIV Maggio 16, Roma.

HIROSHIGE. VISIONI DAL GIAPPONE. Natura, paesaggi, volti. Un suggestivo racconto del Giappone del maestro dell’Ottocento. Fino al 29 Luglio 2018.

 

Z2O GALLERIA – VIA DELLA VETRINA – Arti visive Via della Vetrina 21, Roma.

HIDDEN BEAUTY. La mostra è un piccolo teatro di sguardi e artefatti diversi, in parte complementari, che hanno però un denominatore comune: la tensione, il bisogno di riscoprire e inventare ogni giorno una qualche nuova forma di Bellezza, per sentirsi “al mondo” e conviverci in modi anche inaspettati. In mostra opere di: Anna Hulacová, Kristof Kintera, Pavla Sceránková, Richard Wiesner. Fino al 19 Maggio 2018.

Nessun commento