Tutti in classe su Radio Rai

0

Tutti in classe. Rubrica settimanale condotta da Paola Guarnieri sul mondo della scuola, poco prima che suoni la campanella di inizio delle lezioni”. Con questo slogan era cominciato quasi in sordina un programma su Radio Rai il 10 settembre 2018.

Sembrava una delle normali trasmissioni cosiddette “di servizio” come ce ne sono tante in Rai. I titoli delle puntate erano: Più mensa per tutti – Scuole di frontiera – Dispersione scolastica –  Compiti a casa – Lingue classiche – I viaggi di istruzione – Quanti
colori nella nostra scuola? 

 

Intanto siamo arrivati all’emergenza attuale e i titoli sono diventati questi: A scuola con il Virus – Scuole chiuse per Virus – La scuola virtuale  – La scuola è digitale? – Tutti ammessi, tutti promossi – Tecnici e professionali, laboratori a distanza. 

 

 

La trasmissione è diventata nel giro di poche settimane un trampolino di lancio radiofonico per tutte quelle iniziative, proposte, discussioni, sperimentazioni per una scuola che, per cause di forza maggiore, ha dovuto adeguarsi ad una difficile realtà. Una palestra per la futura scuola. 

 

Il culmine è diventata la puntata del 20 aprile 2020:La scuola che sarà”. Due gli ospiti che hanno dato vita alla puntata: Patrizio Bianchi, già assessore alla Scuola dell’Emilia Romagna già rettore dell’Università di Ferrara e attualmente nel tavolo di lavoro del Ministero dell’Istruzione e Università.

 

L’altro interlocutore è stato Danilo Casertano, maestro, tra gli ideatori dell’Asilo nel bosco e del mare. L’impegno emerso è stato quello di cambiare e subito, iniziando da quello che c’è per cercare nuove idee e soluzioni.

 

Ma nulla è perduto, perché questa puntata (come tutte le altre dal 2018 ad oggi), è possibile ascoltarle dal sito. Tutti in classe –  Radio 1 Rai ogni lunedì in FM 89,7 alle ore 7,30.

https://www.raiplayradio.it/programmi/tuttiinclasse

Buona radio da Raffaele Vincenti

Condividi
Articolo precedenteUn posto al sole la fiction a prova di Virus
Prossimo articoloIl MAMbo cambia nome
Raffaele Vincenti
Laurea in Sociologia. Dal 1972 al 2012 dipendente Rai: TV, Radio e ultimi 12 anni alla Direzione Teche. Ha pubblicato La prima volta del telefono (La storia del 3131 dal 1969 al 1995) Eri 2009 e Cento voci dall'Italia (I documentari e le inchieste di Radio Rai dal dal 1945 al 2011) Eri 2011. E' autore di articoli sulla radio in varie pubblicazioni. Per i 90 della radio (2014) ha scritto Intervista impossibile a R.Hertz e rappresentata in teatro con M. Mirabella. Tiene corsi di Storia della Radio alla Facoltà di Sociologia di Roma.

Nessun commento