“Siciliano per caso” al teatro Golden

0

Gianfranco Jannuzzo, poliedrico attore siciliano è attualmente in scena al teatro Golden di Roma con un suo spettacolo, ricco di colore in cui declina a pieno la sua arte, intitolato “Siciliano per caso”.

Gianfranco Jannuzzo, in questo affascinante monologo, carico di nostalgia e ricco di colore, riporta indietro nel tempo lo spettatore, con l’ausilio di una scenografia semplice: la colorita porta del Bar Alba, punto di ritrovo dei ragazzi di Saponara Marittima, in provincia di Messina, e una “Madunnuzza” incassata in un’edicola votiva. Al centro, uno schermo, dove vengono proiettate antiche foto (molte delle quali sono proprio foto di famiglia del bravissimo attore agrigentino).

Così, partendo idealmente da questo paesotto del messinese dal nome immaginifico, Jannuzzo racconta la storia di un siciliano tipo, tale Giovannino Pattarizzuti, precariamente muratore, di famiglia povera – genitori, 12 fratelli, più un nonno minotauro, metà uomo e metà sedia, e una nonna piuttosto energica, soprannominata Gengis Khan! – Però, la nonna organizzava gite in pullman alla Madonna Nera di Tindari, e durante il viaggio organizzava la recita del rosario, che a poco a poco diventava una specie di Novella 2000 del paese!

Divertentissimo il passaggio naturale dalla preghiera al pettegolezzo e alla notizia piccante!  Storie di corna alternate ad “avemaria e gloriapatri”.

Ovviamente, al Bar Alba si parlava di donne, i giovanotti “ardevano” di strane e inconfessabili voglie, ma una ragazza si poteva solo guardare da lontano (la celebre “taliata”!), salvo un inatteso colpo di fortuna. E infatti, Giovannino, una volta, capita per lavoro in casa del sindaco, la cui moglie, ben messa in carne, si trovava in notevole… “arretrato”.

La bella vita durò poco: purtroppo esistevano le lettere anonime e il sindaco “cornuto” si presentò armato di fucile. Per fortuna, un rapido calcolo di quanti elettori avrebbe perso uccidendo i due fedifraghi, fa sì che la vita era salva, ma Giovannini dovette lasciare subito il paese.

Così il nostro eroe inizia a girovagare per l’Italia, in cerca di lavoro, dalla Calabria a Napoli, da Milano a Roma, in un racconto sempre brillante, colto, raffinato.

Se è vero che il racconto illustra la Sicilia del passato, quella della cultura antica, degli anziani cantastorie, dei picciotti malinconici, delle campagne assolate, con altrettanta efficacia Jannuzzo, ci fa rivivere il fatalismo dei calabresi, la immediata spontaneità dei napoletani, il pragmatismo nordico.

In definitiva, si assiste a uno spettacolo di livello, che riesce a fondere comicità e cultura, sentimento e nostalgia, scritto piacevolmente da Roberto D’Alessandro e Andrea Lolli.

Uno spettacolo che consigliamo a tutti, siciliani e non!

Salvatore Scirè

 

Condividi
Articolo precedenteMetropoli al Palaexpo
Prossimo articoloForum dal 3/02/2020 al 9/02/2020
Salvatore Scirè
giornalista e fotografo – commediografo e regista teatraleLaureato in Giurisprudenza, ha studiato lingue straniere e musica. In campo giornalistico si è occupato di vari temi, ma ha sempre prediletto il reportage geografico, formando testi e foto e pubblicando su importanti testate nazionali.E’ autore di tre libri fotografici: Roma nel cuore (Rizzoli Editore l982, prefazione di Carlo Lizzani) Gargano spettacolo della natura (Ed. Magnus 1987, prefazione di Nantas Salvalaggio) Roma colori del tempo (Il Capitello 1989 - II ediz. 2000 - prefazione di Giulio Andreotti). Ha pubblicato il saggio umoristico Donne... maneggiare con cura! (Liux Edizioni 2012)Da 22 anni scrive per il teatro come commediografo; da 16 anni si occupa anche di regia teatrale. Ha scritto una ventina di commedie, tra cui Professione separata! Ciao papà, ti presento mia madre!Cocktail di scambi; C’è un morto giù in cantina!

Nessun commento