Memoradio su Rai Radio3

0

L’estate, come ogni anno, ha comportato cambiamenti nella programmazione delle varie emittenti radiofoniche. Abbiamo ascoltato nuovi programmi, versione estive, conferme, conduttori “stagionali” in programmi annuali.

In attesa quindi della presentazione dei nuovi palinsesti, che facciamo? Abbiamo tutto il web a disposizione dove ormai da tempo vive una programmazione radiofonica non solo parallela ma diversa e addirittura alternativa a quella del mondo FM. 

 

Un esempio? Memoradio. E’ la banca dati della nostra memoria radiofonica che cattura la nostra attenzione, il nostro interesse, il nostro gradimento con il rischio vero di farci passare in secondo piano la nostra classica radio. Memoradio è l’esempio di come possiamo impostare la radio di nostro gradimento.

 

 

Memoradio è il percorso sonoro che ogni settimana Radio3 Rai dedica alla storia, alla memoria e alle voci del presente e del passato. Un itinerario monografico su eventi e personaggi che hanno fatto la storia e la cultura del nostro paese.

 

 

 

Un viaggio nel tempo per i naviganti del web attraverso l’inesauribile patrimonio dell’archivio di Radio Rai: interviste storiche, brani da celebri trasmissioni, frammenti dai giornali radio d’epoca, radiodrammi, documentari radiofonici.  

 

 

 

Qualche esempio: Mario Soldati, un intellettuale in ascolto della realtà –  Omaggio a Geoges Simenon a 30 anni dalla scomparsa – Prove di infinito: riflessioni a due secoli di distanza dalla stesura de “L’infinito” di Giacomo Leopardi – Omaggio a Rossini: un omaggio al grande compositore a 150 anni dalla morte – Karl Marx 200 anni dopo. 

 

 

Ma gli esempi e i campi di interesse sono tanti. Le divagazioni si svolgono in tutti i campi e va dato merito alla curatrice del programma Daniela Sbarrini che riesce a creare vere “perle” radiofoniche che sono a disposizione di tutti e in qualsiasi momento.

Buona radio da Raffaele Vincenti

Condividi
Articolo precedenteBertozzi e Casoni al Marca
Prossimo articoloLa XV edizione del festival delle Lettere a Bergamo
Raffaele Vincenti
Laurea in Sociologia. Dal 1972 al 2012 dipendente Rai: TV, Radio e ultimi 12 anni alla Direzione Teche. Ha pubblicato La prima volta del telefono (La storia del 3131 dal 1969 al 1995) Eri 2009 e Cento voci dall'Italia (I documentari e le inchieste di Radio Rai dal dal 1945 al 2011) Eri 2011. E' autore di articoli sulla radio in varie pubblicazioni. Per i 90 della radio (2014) ha scritto Intervista impossibile a R.Hertz e rappresentata in teatro con M. Mirabella. Tiene corsi di Storia della Radio alla Facoltà di Sociologia di Roma.

Nessun commento