Festival Internazionale di Teatro di Figura di Roma

0
18

interamente al Teatro di Figura: certamente una novità interessante, ad una prima analisi attraente soprattutto per i ragazzi, ma poi, a ben vedere, adatta per tutte le età. Semplicemente un’idea diversa di spettacolo.

La proposta consiste in una rassegna di produzioni nazionali e internazionali che da giovedì 6 a domenica 9 giugno, daranno vita a un “Festival Diffuso” su quattro teatri delle Rete Teatri in Comune (Teatro del Lido, Teatro Tor Bella Monaca, Teatro India e Teatro Villa Pamphilj). In tutto si conteranno ben 35 repliche di tredici spettacoli provenienti da Islanda, Irlanda, Belgio, Spagna, Francia, Argentina, Italia, Burkina Faso.

Come appare subito evidente, l’iniziativa ha una portata e un respiro internazionali, toccando ben tre continenti.

Tra gli spettacoli si segnalano la prima assoluta di “Racconti su tre ruote” (Compagnia Bertolt Brecht di Formia), i grandi classici del teatro di figura italiano come “Scuola di Magia” (Compagnia Teatro Verde, con le scene, costumi e burattini di Santuzza Calì), “Scretch” con Claudio Cinelli e “Pocket Circus” con Gianluigi Capone.

Si segnalano anche le produzioni internazionali come “Pulcinella e Mamma Africa” (Italia-Burkina Faso, Compagnia Casa delle Guarattelle), “The Circus Stachamoose” (Irlanda – Compagnia Your Man’s Puppets), “Error 404” (Spagna, Compagnia Angeles de Trapo),  “Metamorphosis. Poetry in Motion” (Islanda) con Bernd Ogrodnik, “Kim, the Little Black Chicken” (Belgio, Compagnia Figurentheater Vlinders & C), “L’Illustre théâtre du Fréres Sabbattini” (Francia, Compagnia Histoire D’Eux) per 15 spettatori alla volta, “Cucina in punta di piedi” (Italia/Argentina- Compagnia Teatro dei Piedi) e “La Piccola Stella” (Italia-Francia) con Albert Bagno.

 

Oltre agli spettacoli veri e propri, IMMAGINA propone sette laboratori di ombre e burattini, corsi di formazione, incontri con gli artisti, workshop, e “librerie erranti”.

 

 

A latere, saranno visibili sei mostre di collezioni e opere dedicate al teatro di figura: al Teatro India “LA CRUDELE STORIA Personaggi dell’Opera dei Pupi a Napoli” di Ipiemme (International Puppets Museum di Castellammare di Stabia – Reggia di Quisisana); al Teatro Villa Pamphilj i “BURATTINI VOLTI DELL’ESSENZA” di Maurizio Gioco; al Teatro Del Lido “CUORI DI PEZZA” di Carla Marchini e “ANIME IN LUCE”, fotografie di Gianni Biccari; al Teatro Tor Bella Monaca “BURATTINI POSTALI. 90 anni di Unima Italia” di Albert Bagno e “I BURATTINI DI GAETANACCIO” di Santuzza Calì.

Al Teatro India, venerdì 7 alle ore 10, si terrà anche una tavola rotonda “Per una scuola nazionale di teatro di figura” promossa da Animateria e Teatro Verde. In altre parole, una interessante messa a fuoco di alcune forme espressive che si radicano fortemente nella tradizione popolare nostrana. Peccato che manchi una presenza dei “pupi siciliani”!

Insomma, una proposta per tutte le fasce d’età, che vede in prima linea la Rete dei Teatri di Roma Capitale, in collaborazione con moltissimi artisti incredibili, portatori sani di arti e mestieri che hanno origini antiche, ma che guardano al presente e al futuro, capaci di intercettare infiniti linguaggi.

S.S.

 

Nessun commento