Al Salone Margherita con Manuela Villa vanno in scena le romane

0
91

Al Salone Margherita di Roma, fino al 14 aprile, Manuela Villa è la protagonista dello spettacolo, scritto e diretto da Pier Francesco Pingitore, Roma e le romane, una cavalcata tra canzoni, storie, leggende delle donne romane raccontate e cantate dalla cantante romana d’eccellenza.

Canzoni, storie e leggende delle donne romane cantate, ballate e raccontate alla romana, in uno spettacolo dedicato alle donne capitoline. Si va dalle eroine delle origini, alle grandi cortigiane del Rinascimento come Giulia Farnese, Imperia, Beatrice Ferrarese, alle celebri cantanti del presente, come la grande Gabriella Ferri, alle generose abitanti delle periferie e delle borgate, alle grandi attrici romane, una per tutte Anna Magnani, la famosa Nannarella.

A dar corpo allo spettacolo, la voce inconfondibile della bravissima Manuela Villa, cantante romana d’eccellenza, che per circa due ore ha deliziato il pubblico con bellissime canzoni romane, mentre a raccontare le storie delle donne romane più celebri, dal Rinascimento in poi, c’era l’affascinante e bravissima narratrice, nonché cantante e ballerina, Sharon Alessandri.

Con lei, sul palco, il tenore Nico di Barnaba e un corpo di ballo, formato da Sara Giovanale, Roberta Vesperini, Tiziana Cardella, Arianna Tarquini e Gaetano Messana, pronto a ballare sulle note delle più belle canzoni romane.

Il pubblico si è deliziato, applaudendo fragorosamente, e cantando con i protagonisti: La bella Romanina, Sinnò me moro, Sempre, Er zelletta (queste due ultime canzoni portate al successo da Gabriella Ferri), Semo gente de borgata, Mamma, Tutti ar mare, Chitarra Romana, Er barcarolo romano, Casetta de Trastevere, Tanto pe’ canta’ (famosa canzone scritta da Ettore Petrolini), Le Mantellate (cantata anche da Ornella Vanoni), Affaccete Nunziata, La nevicata del ’56 (di Carla Vistarini e Franco Califano, un brano portato al successo dall’indimenticabile Mia Martini), Com’è bello far l’amore quann’e è sera (indimenticabile interpretazione di Anna Magnani), La gita a li castelli.

 

 

Ottime le coreografie curate da Cristina Pensiero, bellissimi i costumi e le scene di Graziella Pera, una garanzia per i tanti spettacoli diretti da Pingitore.

 

 

Roma e le romane, uno spettacolo da vedere, specialmente per chi ama Manuela Villa, figlia di cotanto padre, la Capitale e le sue belle canzoni.

Giancarlo Leone

Nessun commento