I lunatici su Rai Radio 2

0
40

Ci siamo sempre occupati della radio “di giorno”,ma c’è una radio che vive anche di notte perché ci sono ascoltatori anche di notte che  per varie ragioni lavorano e non sono attratti o non possono prestare attenzione alla TV.

 

Cosa trasmettono quindi le radio di notte? Alcune interrompono le trasmissioni fino al mattino, altre si affidano alle repliche del giorno appena trascorso.  Altre ancora continuano invece la programmazione, magari alleggerendone i contenuti. Rai Radio 2 è una di queste ultime.

 

Ogni notte, dall’una e trenta fino alle sei del mattino, Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, un duo radiofonico già collaudato, dal lunedì al sabato, intrattengono, rigorosamente in diretta, gli ascoltatori di Radio 2 con ospiti politici, giornalisti e del mondo dello spettacolo. Un filo diretto con chi di notte vive, lavora, è insonne e invece di dormire ha qualcosa da raccontare.

I

l programma si chiama I Lunatici. Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio provengono dall’esperienza di Radio Cusano Campus (una radio universitaria della ci siamo occupati in passato in queste pagine) dove hanno più volte affrontato ai microfoni argomenti inerenti all’attualità, considerata da un punto di vista inedito, ironico, e sfrontato.

La coppia Arduini/Di Ciancio, con il supporto del giornalista Manuel Fondato, accompagna il popolo della notte con attualità del giorno nuovo e di quello appena trascorso. I Lunatici è un contenitore effervescente, scanzonato, garbatamente irriverente, un vero e proprio confessionale di un popolo di nottambuli che vaga spesso alla ricerca di una “casa” fino alle prime luci dell’alba.

Appuntamento quindi a stanotte all’una e trenta con I Lunatici su Radio 2 in FM 91,2 o 91,7 oppure dal sito ufficiale della trasmissione dove troverete ovviamente i podcast delle nottate precedenti: https://www.raiplayradio.it/programmi/ilunatici/

Buona radio!

Raffaele Vincenti

Condividi
Articolo precedenteLetizia va alla guerra: tre donne nel ciclone della guerra e dell’amore
Prossimo articoloOlga Picasso a Malaga
Raffaele Vincenti
Laurea in Sociologia. Dal 1972 al 2012 dipendente Rai: TV, Radio e ultimi 12 anni alla Direzione Teche. Ha pubblicato La prima volta del telefono (La storia del 3131 dal 1969 al 1995) Eri 2009 e Cento voci dall'Italia (I documentari e le inchieste di Radio Rai dal dal 1945 al 2011) Eri 2011. E' autore di articoli sulla radio in varie pubblicazioni. Per i 90 della radio (2014) ha scritto Intervista impossibile a R.Hertz e rappresentata in teatro con M. Mirabella. Tiene corsi di Storia della Radio alla Facoltà di Sociologia di Roma.

Nessun commento