Radiouno Rai ed il suo nuovo palinsesto

0

Dalla calza della befana a Via Asiago 10, sede storica di Radio Rai, è venuto fuori il nuovo palinsesto di RadioUno, presentato oggi da Roberto Sergio direttore di Radiorai e da Luca Mazzà, direttore di RadioUno nella Sala D di Via Asiago. Una Sala D completamente irriconoscibile, per chi, come noi, ha passato in Rai tutta la sua carriera radiofonica e televisiva.

 

Fresco di nomina il neo direttore Luca Mazzà, entra subito in argomento raccontando la nuova Radio Uno, che “seguendo la sua vocazione di rete All News,  non rinuncerà certo alla buona musica ed, ovviamente,  all’intrattenimento. La nostra sarà una narrazione a più voci che si avvarrà di vari liguaggi realizzati a più voci. Ci saranno poi una serie di conduttori musicali che accompagneranno gli ascoltatori durante tutto l’arco della giornata”.

Si comincia presto – riprede dopo una breve pausa Mazzà – dalle cinque fino alle sette, il prime time radiofonico che offre il nuovo contenitore Il mattino di Radio1, dove il pubblico ascolterà notizie, rassegna stampa, anticipazione dei fatti del giorno, collegamenti e musica a cura di Carlo Cianetti e la conduzione di Giovanni Acquarulo, Francesco D’Ayala e Gianmaurizio Foderaro mentre sarà costante la presenza di Dario Salvatori”.

Cento città. In diretta con l’Italia è l’altra novità, cioè una finestra aperta sul territorio, un programma realizzato in collaborazione con la Tgr, dedicato alle realtà locali del Bel Paese. Che andrà in onda dalle 9,30 alle 10,30 – ma il lunedì dalle 10 –  presentato da Duccio Pasqua e Ilaria Amenta, con la partecipazione di Duccio Semprini.

Confermato alla grande Radio anch’io – storico programma di Gianni Bisiak – a cui abbiamo partecipato dai quattro angoli del mondo, sempre in diretta, dalla Cina della Tienanmen alla Tierra del Fuego nell’Argentina di Menem, passando per il Canada e l’Australia in visita di Stato, accompagnando il Presidente della Repubblica. E poi, sempre  in diretta, a bordo del Tornado dell’Aeronautica Militare a due volte la velocità del suono, diventando così la donna più veloce del mondo in cielo e correndo e a 350km all’ora, dal circuito di Maranello, su invito dell’ingegner Ferrari, per farmi diventare la più veloce del modo in terra,   su una Ferrari 40. Ricordi straordinari di una trasmissione che ci ha regalato, grazie a Gianni Bisiak, molte emozioni.

Il lunedì Radio anch’io diventa Radio Anch’io Sport, e poi, nel pomeriggio, Mangiafuoco sono io, Italia sotto inchiesta, Zapping, Zona Cesarini e Tra poco in edicola, la rassegna stampa di Radio 1 che chiude la giornata ed anticipa la successiva.

Tante e tante ancora le novità che scoprirete ascoltando Radiorai la radio che vi prende per mano accompagnandovi, ogni giorno, tutti i giorni, informandovi, divertendovi e, soprattutto aggiornandovi minuto per minuto. Buon ascolto!

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteA tu per tu con Lello Arena
Prossimo articoloAUTORITRATTI di Carlo Fornara a Mendrisio
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento