Il mito di Edipo al Teatro Arcobaleno

0

Spettacolo per intenditori al Teatro Arcobaleno: Glauco Mari e Roberto Sturno hanno proposto al pubblico una raffinata ed interessante lettura, dedicata interamente al mito di Edipo. Un mito antico, che l’antica Grecia ci ha tramandato con la sua accesa e fantasiosa mitologia. Un episodio immaginifico, al quale si sono alimentati poeti, romanzieri e musicisti: la storia di un incesto inconsapevole, la cui onta i protagonisti cercheranno di lavare con il proprio sangue.

 

Basti pensare che il grande drammaturgo greco Sofocle scrisse ben due drammi, dedicati al mitico personaggio: l’Edipo Re e l’Edipo a Colono. Lo stesso fecero Eschilo ed Euripide, le cui opere purtroppo si sono perse nel tempo. Ma qualche secolo dopo, anche Seneca, il grande scrittore latino (ma non tutti sanno che nacque a Madrid!!!) scrisse un Edipo Re; e più avanti nel tempo lo stesso fecero Corneille, Cocteau e Dȕrrenmatt, tra gli altri. Per non parlare dei musicisti: Felix Mendelssohn-Bartholdy, Gioacchino Rossini, Ruggero Leoncavallo, Igor Stravinskij, Modest Musorgskij scrissero delle opere ispirate a questa torbida e drammatica storia.

 

Ebbene in questo contesto culturale ha preso forma una lettura-spettacolo, dal titolo, appunto EDIPO IL MITO: Glauco Mari e Roberto Sturno hanno letto brani tratti da Sofocle, Seneca, Dȕrrenmatt, Tucidide e Cocteau, inserendo tra un pezzo e l’altro dei brani musicali, che sono stati curati dal M° Giovanni Zappalorto ed eseguiti da quest’ultimo alla tastiera e da Francesca Salandri al flauto.

 

 

 

Il risultato è stato uno spettacolo di grande spessore culturale, recitato in modo superlativo, che ha sicuramente dato emozioni e sensazioni al pubblico.

Salvatore Scirè

Condividi
Articolo precedenteArte in galleria dal 10/12/2018 al 16/12/2018
Prossimo articoloAmici come prima al cinema
Salvatore Scirè
giornalista e fotografo – commediografo e regista teatraleLaureato in Giurisprudenza, ha studiato lingue straniere e musica. In campo giornalistico si è occupato di vari temi, ma ha sempre prediletto il reportage geografico, formando testi e foto e pubblicando su importanti testate nazionali.E’ autore di tre libri fotografici: Roma nel cuore (Rizzoli Editore l982, prefazione di Carlo Lizzani) Gargano spettacolo della natura (Ed. Magnus 1987, prefazione di Nantas Salvalaggio) Roma colori del tempo (Il Capitello 1989 - II ediz. 2000 - prefazione di Giulio Andreotti). Ha pubblicato il saggio umoristico Donne... maneggiare con cura! (Liux Edizioni 2012)Da 22 anni scrive per il teatro come commediografo; da 16 anni si occupa anche di regia teatrale. Ha scritto una ventina di commedie, tra cui Professione separata! Ciao papà, ti presento mia madre!Cocktail di scambi; C’è un morto giù in cantina!

Nessun commento