Tokyo International Film Festival

0

Lasciata la Festa del Cinema di Roma, dopo l’ultimo interessante incontro ravvicinato con Tornatore, in dieci ore siamo arrivati a Tokio per l’inaugurazione della trentunesima edizione del Tokio International Film Festival, una rassegna che raccoglie le più importanti produzioni asiatiche, in una ricca ed interessante vetrina internazionale.

Molte le star mondiali sul tappeto rosso, dall’attrice giapponese di origine coreana Kaho Minami, al sempre affascinante Ralph Fiennes, passando per cineasta filippino Brillante Mendoza, l’attrice giapponese Mayu Matsuoka, il nostro Edoardo De Angelis con Pina Turco,  l’eccellente protagonista de Il vizio della speranza, di cui avevamo parlato, la settimana scorsa  dalla Festa del Cinema di Roma.

 

Tornando a Tokyo, sul tappeto rosso c’era poi anche tutto il cast al completo di Zombie contro zombie di Shuichiro Ueda, una divertentissima commedia che, gli amanti del genere, potranno vedere in Italia dal 7 novembre.

 

Ad inaugurare questa 31° edizione del TIFFjp, un film ormai gettonatissimo nel mondo, A Star is Born, ma senza i protagonisti, Bradley Cooper e Lady Gaga – per la prima volta al naturale – che avevano invece scatenato un tifo da stadio a Toronto, dove, attorno al tappeto rosso, avevano chiuso le strade tanto erano disordinatamente entusiasti gli spettatori.

 

Il giorno dopo c’è stata la conferenza stampa della giuria, presieduta da Brillante Mendoza con il produttore televisivo statunitense Bryan Burk, noto soprattutto per aver prodotto Lost e per essere, da sempre, innamorato del Giappone, l’attrice teatrale e cinematografica iraniana Taraneh Alidoosti, il regista/produttore di Honk Kong Stanley Kuan ed infine l’attrice giapponese di origine coreana Kaho Minami.

 

Tutti e cinque hanno assicurato all’unisono di giudicare, con il dovuto rispetto, i sedici film in competizione, tenendo presente che un film, per piacere deve emozionare e renderti partecipe di quello che ti sta raccontando.

Mariangiola Castrovill

Condividi
Articolo precedenteForum dal 29/10/2018 al 4/11/2018
Prossimo articoloTokyo e il Festival Internazionale del Cinema
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento