Rossini Opera Festival 2018

0
67

C’è molta attesa per l’apertura della 39° edizione del Rossini Opera Festival. Grandi artisti, celebri opere  e concerti animeranno Pesaro da sabato 11 al 23 agosto. A 150 anni dalla morte di Gioacchino Rossini la città dove il compositore nacque il 29 febbraio 1792 si appresta ad ospitare il ricco programma dell’ anniversario che si apre con “Ricciardo e Zoraide” prima delle tre nuove produzioni del Festival. Dramma serio per musica in due atti su libretto di Francesco Berio di Salsa, l’opera, che  fu rappresentata per la prima volta al Teatro San Carlo di Napoli il 3 dicembre 1818 torna al Festival dopo 22 anni.

Diretta da Giacomo Sagripanti con la regia di Marshall Pynkoski (al debutto al ROF)  sarà in scena l’11, il 14 il17 e 20 agosto all’Adriatic Arena con un cast nel quale spiccano il tenore peruviano Juan Diego Flórez (juandiegoflorez.com), Sergey Romanovsky, Pretty Yende e Nicola Ulivieri.

 

Lotta per il potere più che contrapposizione tra razze è la lettura del regista canadese che dichiara: “le partiture rossiniane  sono impreziosite da lunghi momenti lirici che amo particolarmente,  perché permettono di creare momenti intimi tra i personaggi ed anche, l’inserimento di balletti ed effetti scenici. La danza assumerà una grande importanza  e i ballerini saranno parte integrante dell’azione, sia del coro che dei solisti.”

 

Debutta il 12 (altre date 15, 18 e 21 agosto) Adina”, coprodotta dal ROF con Wexford Festival Opera.  Diego Matheuz, per la prima volta a Pesaro, sarà alla direzione dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini e del Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini (Maestro Mirca Rosciani). Lo spettacolo è ideato da Rosetta Cucchi e  nella compagnia di canto figurano Vito Priante, Lisette  Oropesa, Levy Sekgapane, Matteo Macchioni e Davide Giangregorio.

 

Terza nuova produzione (13,16, 19 e 22) “Il barbiere di Siviglia”, diretta da Yves Abel con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e il Coro del Teatro Ventidio Basso, messa in scena da Pier Luigi Pizzi con la collaborazione di Massimo Gasparon. Nel cast, Maxim Mironov, Pietro Spagnoli, Aya Wakizono, Davide Luciano, Michele Pertusi, Elena Zilio, William Corrò e Armando De Ceccon.

A completare il cartellone “Il viaggio a Reims” dei giovani dell’Accademia Rossiniana ( Hugo Carrio dirige la Filarmonica Rossini, regia di Emilio Sagi ripresa da Elisabetta Courir, costumi di Pepa Ojanguren), cui si accompagna il gioco lirico per bambini Il viaggetto a Reims”.

Il 18 sarà in scena Massimo Ranieri nel “Cabaret Rossini” con lui sul palco Antonio Ballista  al piano e le voci di Anna Bonitatibus, Sofia Mchedlishvili, Ruzil Gatin e Daniele Antonangeli.  Ideato da Emilio Sala e Filippo Crivelli, il concerto sarà videoproiettato in piazza del Popolo. Videoproiezione anche per il concerto di chiusura del Festival il 23 agosto.

La “Petite messe solennelle” diretta da Giacomo Sagripanti, alla testa dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI e del Coro del Teatro della Fortuna M. Agostini, con Carmela Remigio, Daniela Barcellona, Celso Albelo e Nicolas Courjal. Altri concerti quelli di  Lisette Oropesa (14 agosto) , Yolanda Auyanet, Michele Pertusi e Carlo Lepore.  Sarà l’attore Remo Girone il 16 agosto ad introdurre la serata dedicata alle “Grandi scene rossiniane”, con Nicola Alaimo e l’Orchestra Sinfonica G. Rossini diretta da Michele Spotti.

La prima di “ Ricciardo e Zoraide”  (così come le altre due opere il 12 e il 13) sarà trasmessa in diretta radio da RaiRadioTre ed in diretta streaming sul sito web della Rai l’11 agosto alle 20.  Rai5 trasmetterà l’opera in differita il 30 agosto alle 21.15.

Inoltre da questa estate gli spettatori del ROF, in larga maggioranza provenienti dall’estero, potranno seguire su smartphone o tablet i libretti delle opere tradotti in più lingue grazie alla app gratuita Lyri, scaricabile su www.lyri,it, visualizzando durante lo spettacolo i testi cantati nella lingua preferita.

Per maggiori informazioni:  www.rossinioperafestival.it

Ludovica Mariani

Nessun commento

Rispondi