Settimana della critica 2018

0

Affollatissima conferenza stampa oggi alla Casa del Cinema a Roma per la presentazione della 33° edizione della Settimana della Critica nell’ambito del  75° Festival cinematografico di Venezia.

La Settimana Internazionale della Critica (SIC) è una sezione autonoma e parallela organizzata dal Sindacato Nazionale Critici Cinematografici Italiani (SNCCI) nell’ambito della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di Venezia  dal 29 agosto all’ 8 settembre 2018  e composta da una selezione di sette opere prime in concorso e due eventi speciali, tutti presentati in anteprima mondiale.

La selezione è  curata dal Delegato Generale della SIC Giona A. Nazzaro,  con i membri della commissione di selezione Luigi Abiusi, Alberto Anile, Beatrice Fiorentino e Massimo Tria.

Interessante la presentazione del Delegato Generale della 33° Settimana Internazionale della Critica  Giona A. Nazzaro su Il Mondo e il  Cinema nel 2018.Il nodo è sempre quello già individuato da Roberto Rossellini e sul quale Jean-Luc Godard non ha mai smesso di interrogarsi (come dimostra Le livre d’image) – ha esordito Nazzaro non una banale relazione binaria nella quale il cinema diventa un riflesso sociologico del mondo, ma una dialettica aperta. E quindi bisogna cercare di tenere alto, possibilmente altissimo, il livello del confronto e della proposta cinematografica.  Evitando,  magari,  le scorciatoie banali del conforto con il già noto, per incrementare il piacere, sempre disorientante, della scoperta” .

Sette  i lungometraggi in concorso per il Premio del Pubblico, realizzato grazie al sostegno di Sun Film Group, e consistente in un premio di  5.000 euro. Una Giuria Internazionale composta da 5 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi – tra i quali un produttore – assegnerà senza possibilità di ex aequo un premio di 100.000 USD, messi a disposizione da Filmauro, che saranno suddivisi in parti uguali tra il regista ed il produttore.

In concorso quest’anno The Roundup di Hajooj Kuka (Sudan, Sudafrica, Qatar, Germania),  Adam and Evelyn di Andreas Goldstein (Germania), Betes Blondes  di Alexia Walther, Maxime Matray (Francia), Still  Recording  di Saaed Al Batal e Ghiath Ayoub (Siria, Libano, Qatar, Francia), M di Anna Eriksson (Finlandia,  Saremo giovani e bellissimi di Letizia Lamartire Italia , You have the night di Ivan Salatic Montenegro (Serbia, Qatar). Eventi speciali, il Film d’apertura Tumbbad di Rahi Anil Barve e Adesh Prasad (India, Svezia) mentre la  chiusura è affidata al film tunisino  Dachra di Abdelhamid Bouchnak .

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteArte in galleria dal 23/07/2018 al 29/07/2018
Prossimo articoloRinasce il teatro Flaiano di Roma
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento