Lady Bird di Greta Gerwig al cinema

0
99

Le tappe dell’adolescenza esplorate da una diciassettenne inquieta, Christin MacPherson (Saoirse Ronan) che, nata e cresciuta a Sacramento, che in realtà le va piuttosto stretta, dandole la spiacevole sensazione di sentirsi prigioniera. “Chiunque parla della California gaudente dovrebbe passare un Natale a Sacramento”. Questa la citazione di Joan Didion con cui si apre il bel film Lady Bird della regista e sceneggiatrice Greta Gerwig su cui Piers Handling, direttore del Toronto International Film Festival 2017 aveva scommesso, vincendo alla grande.

Christine McPherson, auto ribattezzatasi   Lady Bird, è una teenager con molte asperità, che detesta Sacramentoil Midwest della California’.  Sogna  di andare all’università a New York, senza però averne i titoli. Sacramento è anche la città natale della regista che si ‘ripensa, rivedendosi’  nei panni della studentessa  Christine McPherson, che pretende di farsi chiamare, come si è ribattezzata motu proprio, Lady Bird, soffocata  da una madre troppo presente mentre il suo sogno è quello di crearsi  un’esistenza diversa, magari sulla costa orientale tra scintillanti grattacieli, prestigiosi college ed una cultura che arricchisca i suoi orizzonti.

Greta Gerwig da Sacramento, è l’autrice di questo bel film, e, a 34 anni,  è  attrice, sceneggiatrice, produttrice, doppiatrice e, adesso, anche  la quinta donna candidata all’Oscar. Insomma è la nuova stella del cinema americano.

E, la storia della protagonista di Ladybird somiglia molto a quella della regista. Anche lei una buffa, anticonformista e molto determinata  ragazza di Sacramento, era  in costante  ricerca di una via di fuga da quel mondo troppo convenzionale e ristretto.  E  Greta, anche lei come Lady Bird,  sognava  New York e una vita alla grande.

Nel film che vi porta su e giù sulle montagne russe tra umorismo e commozione,  emergere lo scontro generazionale madre-figlia. Con  le solite  difficoltà delle teenagers per inserirsi e trovare il loro posto al sole. Greta, la regista,  non è mi stata  la solita bionda di Hollywood. Come ha dimostrato Woody Allen dirigendola in To Rome with love, che l’aveva definita ‘la nuova Diane Keaton’.  E lui si sa, è un regista che se ne intende….

Lady Bird che uscirà da noi in sala dal 1 Febbraio con la Universal Picture, vede, accanto alla superlativa protagonista Saoirse Ronan, Lucas Hedges Timothée Chalamet , Beanie Feldstein, e Tracy Letts, Laurie Metcalf , Beanie Feldstein , Louis Smith, Danielle Macdomald, Odeya Rush e Roman Arabia, tanto per citarne alcuni, tutti bravi e perfettamente in parte.

 

Da vedere se si ha nostalgia di quel periodo della vita chiamata….gioventù

Mariangiola Castrovilli

Nessun commento

Rispondi