Arte in galleria dal 18/12/2017 al 24/12/2017

0
396

Selezione accurata delle esposizioni nelle pinacoteche, nei musei, nelle gallerie d’Arte di Roma a cura di Cristiano Felice dal 18/12/2017 al 24/12/2017.

ACCADEMIA DI FRANCIA – VILLA MEDICI – Arti visive Viale della Trinità dei Monti 1, Roma.

ETERNELLE IDOLE. Personali di Elizabeth Peyton e Camille Claudel. Fino al 7 Gennaio 2018.

ACCADEMIA DI SAN LUCA – PALAZZO CARPEGNA – Arti visive Piazza dell’Accademia di San Luca 77, Roma.

HOUSE OF WORDS. THE MUSE AND SEVEN BLACK PAINTINGS. Personale di Jim Dine. Fino al 3 Febbraio 2018.

ACCADEMIA DI UNGHERIA IN ROMA – Arti visive Via Giulia 1, Roma.

AL PASSO CON I TEMPI. Organizzata in occasione del 650° anniversario della fondazione dell’Università degli Studi di Pécs. Artisti espositori: Márta Nagy, Miklós Budán, Judit Burkus, Balázs Kovács, Zoltán Ádám, Gergely Böhm, Pál Fodor, Péter Bence Simon, Görgy Fusz, Csaba Hegyi, András Ernszt, Márta Nyilas, Colin Foster, Gergely Mészáros, Csaba Nemes, István Losonczy, Péter Somody, Tamás Gaál, Dóra Palatinus, Péter Lengyel, Zsuzsa Tóth, József Bullás,

Kata Könyv, Sándor Imre, Dorottya Kanics, Zsuzsa Nemes, Róbert Batykó. Fino al 31 Dicembre 2017.

ACCADEMIA DI UNGHERIA IN ROMA – Arti visive Via Giulia 1, Roma.

PORTIKUS 3.5. Installazione di luce di Erik Matrai, accompagnata da, Anima Sound System, installazione Sonora di Zsolt Prieger. Fino al 14 Gennaio 2018.

AMERICAN ACADEMY IN ROME – Arti visive Via Angelo Masina 5, Roma.

MATERA IMAGINED: PHOTOGRAPHY AND A SOUTHERN ITALIAN TOWN. Collettiva fotografica con opera di Piergiorgio Branzi, Esther Bubley, Mario Carbone, Henri Cartier-Bresson, Mario Cresci, Marjory Collins, Luigi Ghirri, Emmet Gowin, Fosco Maraini, David Seymour, Augusto Viggiano, Carrie Mae Weems, Dan Weiner, Joseph Williams e Yasmin Vobis. Fino al 4 Febbraio 2018.

ARCHIVIO MENNA-BINGA – COMPLESSO MALAFRONTE – Arti visive Via dei Monti di Pietralata 16, Roma.

ILLATO LUMINE. Personale di Ioan Sbarciu. Fino al 20 Gennaio 2018.

ARTE BORGO GALLERY – Arti visive Borgo Vittorio 25, Roma.

CHRISTMAS ART 2017. Collettiva con opera di Christian Bargèl, Claudio Caldana, Paola Ceci, Alessandro Cignetti, Marco Coletti, Doanta Culetto Dogi, Mario D’Imperio, Daniela De Scorpio, Katia Di Mella, Tatjana Dimitrijevic, Miriam Elliot, Martina Garofali, Federico Grazzini, Jan Incoronato, Marco Lanciani, Ludovic Victor Manole, Isabella Moro, Rosanna Nocca, Stefano Petracci, Antonino Puliafico, Red, Susanna Ripiccini, Francesco Vacirca. Fino all’8 Gennaio 2018.

BIBLIOTECA NAZIONALE CENTRALE – Arti visive Viale di Castro Pretorio 105, Roma.

RITRATTI D’AUTORE. Personale di Milton Gendel. Fino al 26 Gennaio 2018.

CASA VUOTA – Arti visive Via Maia 12, Roma.

LE MUSE DEL QUADRARO. Collettiva con opera di Justin Bradshaw, Giulio Catelli, Franco Cenci, Tiziana Cera Rosco, Pierluca Cetera, Sabino De Nichilo, Giulia Del Papa, Stefania Fabrizi, Giovanni Gaggia, Massimo Livadiotti, Pierpaolo Miccolis, Riccardo Monachesi, Gonzalo Orquin, Gianluca Panareo, Francesca Romana Pinzari, Andrea Romagnoli, Massimo Ruiu, Beppe Stasi. Fino al 7 Gennaio 2018.

CHIOSTRO DEL BRAMANTE – Arti visive Via Arco della Pace 5, Roma.

ENJOY. L’arte incontra il divertimento. Fra gli artisti internazionali invitati a partecipare alla collettiva ENJOY, L´arte incontra il divertimento, anche l’artista austriaco Erwin Wurm, già chiamato a rappresentare l’Austria alla 57. Esposizione Internazionale d’Arte (in mostra a Venezia fino al 26 novembre 2017. Fino al 25 Febbraio 2018.

COMPLESSO MONUMENTALE DI SAN SALVATORE IN LAURO – Arti visive Piazza di San Salvatore in Lauro 15, Roma.

CLEMENTE XI. COLLEZIONISTA E MECENATE ILLUMINATO. Il Cardinale Giovanni Francesco Albani, urbinate, di famiglia facoltosa e riguardevole, salito al soglio Pontificio il 23 novembre del 1700 con il nome di Clemente XI, prima e durante il suo pontificato, rivela un considerevole gusto estetico e collezionistico. La mostra svela, partendo dal fondo Albani, le opere e i nomi degli artisti che fecero parte dell’entourage del Pontefice, in un bel percorso espositivo e scientifico. Fino al 25 Febbraio 2018.

COMPLESSO DEL VITTORIANO – Arti visive Via di San Pietro in Carcere, Roma.

MONET. In mostra circa 60 opere, le più care all’artista e che lo stesso conservava nella sua ultima, amatissima dimora di Giverny: prestiti eccezionali tutti provenienti dal Musée Marmottan di Parigi che nel 2014 ha festeggiato gli 80 anni di vita e che raccoglie il nucleo più importante e numeroso le opere grandissimo artista francese, grazie alle donazioni dei collezionisti l’epoca e figlio Michel. Fino all’11 Febbraio 2018.

DMAKE – Arti visive Via Giovanni Lanza 174 – 176, Roma.

CHAZME 718 – PERFECT SILENCE. Personali di Daniel Chazme 718. Fino al 20 Dicembre 2017.

FUTURISM & CO ART GALLERY – Arti visive Via Mario de’ Fiori 68, Roma.

QUELLO CHE HO IMPARATO DA GIACOMO BALLA. BALLA E DORAZIO. Oltre alle 26 opere di Giacomo Balla e Piero Dorazio, secondo un rapporto di assonanza stilistica che descrive 3 momenti, dalla fine degli anni Quaranta alla fine dei Sessanta, saranno esposte tre lettere inedite indirizzate da Piero Dorazio da New York a Achille Perilli, che documentano l’attività di Dorazio giunto nella capitale dell’arte americana, a favore del futurismo italiano d’oltreoceano. Fino al 20 Gennaio 2018.

GAGOSIAN GALLERY – Arti visive Via Francesco Crispi 16, Roma.

BANGKOK. Personale di Andreas Gursky. Fino al 3 Marzo 2018.

THE GALLERY APART – Arti visive Via Francesco Negri 43, Roma.

SOFT BOUNDARIES. Personale di Rowena Harris. Fino al 22 Dicembre 2017.

GALLERIA CANDIDO PORTINARI – Arti visive Piazza Navona 10, Roma.

MEMORIALI. L’opera di Oscar Niemeyer è senz’altro la concretizzazione della sua genialità creativa, ma è anche l’espressione del suo impegno ideologico e di solidarietà con i movimenti sociali, popolari e democratici. E i numerosi memoriali che ha progettato, ne sono la testimonianza. Fino al 12 Gennaio 2018.

GALLERIA MUCCIACCIA CONTEMPORARY – Arti visive Piazza di Borghese 1A, Roma.

A BUON RENDERE. Personale di Jérémy Demester. Fino al 20 Febbraio 2018.

GALLERIA SALA 1 – Arti visive Piazza di Porta San Giovanni 10, Roma.

FOTOGRAFIA / SALA 1. Collettiva con opere di Francesco Amorosino, Ali Assaf, Stefano Fontebasso De Martino, Tatsumi Orimoto, Guido Orsini, Rax Rinnekangas, Thomas Rousset, Susana Serpas Soriano, Chantal Stotman, Heinz Stephan Tesarek. Fino al 10 Gennaio 2018.

GALLERIA NAZIONALE DI ARTE MODERNA – Arti visive Via delle Belle Arti 131, Roma.

Retrospettiva delle opere di Konrad Mägi. In concomitanza con l’avvio del Semestre di Presidenza Estone dell’Europa, l’Eesti Kunstimuuseum – Museo nazionale d’arte Estonia e l’Ambasciata dell’Estonia in Italia promuovono, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la prima ampia mostra europea su Konrad Mägi (1878 – 1925), uno dei maggior artisti del Novecento estone. Fino al 28 Gennaio 2018.

GOETHE INSTITUT ROM – Arti visive Via Savoia 15, Roma.

UN ANNO DI NOTIZIE. I MIGLIORI SCATTI DEL CONCORSO FOTOGRAFICO “PRESSEFOTO BAYERN 2016”. Una marcia di protesta contro il partito di destra AFD (Alternative für Deutschland), i momenti di terrore durante una sparatoria a Monaco, l’arrivo di migliaia di profughi, il selfie di due ragazze con il velo a Berlino, l’esultanza del Bayern di Monaco a fine campionato e lo sguardo perplesso di Angela Merkel durante una conferenza, sono tutte istantanee di un anno di notizie in Germania. La mostra propone 80 foto, divise in sette categorie (dallo sport alla politica), per raccontare le tante sfaccettature della società tedesca di oggi. Il concorso Pressefoto Bayern, nato nel 1999 a dieci anni dal crollo del Muro, pone l’accento sul fotogiornalismo di qualità capace di coniugare notizia ed estetica. La fotografia di reportage, più vitale che mai, è non solo protagonista nelle riviste o in internet, ma anche in esposizioni che la valorizzano come strumento narrativo e occasione per discutere temi di attualità. Fino al 27 Gennaio 2018.

ISTITUTO CERVANTES A ROMA – Arti visive Piazza Navona 91, Roma.

HISPAM. COLLETTIVA FINALE. Progetto espositivo itinerante incentrato sull’arte contemporanea spagnola. Fino al 7 Gennaio 2018.

ISTITUTO GIAPPONESE DI CULTURA A ROMA – Arti visive Via Antonio Gramsci 74, Roma.

LO SGUARDO SUL MONDO CONTEMPORANEA. Fotografia giapponese dagli anni ’70 al 2000. 76 immagini per 23 autori, più o meno noti alle platee occidentali, tutti alle prese con la realtà in trasformazione, sia essa paesaggio, società, ovvero le due sezioni che con schiettezza ripartiscono le opere. In mostra foto di D. Moriyama, S. Tomatsu, N. Araki, K. Kitai, G. Hashiguchi, M. Ohnishi, T. Ushioda, H. Tsuchida, H. Kikai, M. Seto, S. Yamada, A. Tamura, E. Ina, H. Tsukiji, T. Shibata, N. Kobayashi, T. Kamiya, Y. Takanashi, K. Kawada, R. Miyamoto, T. Homma, M. Ichikawa, R. Suzuki. Fino al 5 Gennaio 2018.

ISTITUTO ITALO LATINOAMERICANO DI ROMA – Arti visive Via Giovanni Piasiello 24, Roma.

HERMANAS MIRABAL. Las Mariposas (le farfalle), come sono conosciute le sorelle Mirabal, rappresentano la purezza di chi lotta per l’ideale della libertà. Il 25 novembre 1960, Patria, Minerva e María Teresa Mirabal furono assassinate per ordine del dittatore Rafael Leonidas Trujillo, che governò la Repubblica Dominicana dal 1930 al 30 maggio del 1961. Nel 1993 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite proclama il 25 novembre giorno di riflessione e denuncia contro le diverse forme di violenza subite dalle donne, definendolo Giornata Internazionale per l’Eliminazione della Violenza contro le Donne”. Fino al 21 Dicembre 2017.

ISTITUTO SVIZZERO A ROMA – Arti visive Via Ludovisi 48, Roma.

FORM BERLIN WITH LOVE. Collettiva con opere di Tina Braegger, Emilie Ding, Edgars Gluhovs, Swetlana Heger, Charlotte Herzig, Andreas Hochuli, David Hominal, Samuel Jeffery, Flora Klein e Kaspar Müller. Fino al 20 Gennaio 2018.

MACRO – MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA – Arti visive Via Nizza 138, Roma.

MEND. Personale di Léonie Hampton. Fino al 26 Dicembre 2017.

MACRO – MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA DI ROMA – Arti visive Via Nizza 138, Roma.

O FUTURO CERTO. Personale di Guy Tillim. Fino al 26 Dicembre 2017.

MACRO TESTACCIO – Arti visive Piazza Orazio Giustiniani, Roma.

OTHER TIME THAN HERE. OTHER PACE THAN NOW. Personali di Dias & Riedweg. La mostra raccoglie lavori che toccano in maniera filosofica i temi cruciali dell’immigrazione e dei cambiamenti politici e sociali del nostro tempo, a partire dall’idea che il semplice spostamento di oggetti e persone nello spazio e nel tempo sia anche uno spostamento di significati. Fino al 26 Dicembre 2017.

MAXXI – MUSEO DDELLE ARTI DEL XXI SECOLO – Arti visive Via Guido Reni 4a, Roma.

L’ITALIA DI ZAHA HADID. Considerata uno degli architetti più influenti e visionari del nostro tempo, Zaha Hadid ha ridefinito l’architettura del XXI secolo e catturato l’immaginazione di tutto il mondo. Un anno dopo la sua improvvisa scomparsa, il MAXXI le dedica una mostra, in collaborazione con Zaha Hadid Design, Zaha Hadid Architects e la Fondazione Zaha Hadid, che racconta l’intenso rapporto dell’architetto con il nostro paese. Fino al 14 Gennaio 2018.

MENEXA – Arti visive Via di Montoro 3, Roma.

GIORNO DI FESTA. Personale di Costanza Alvarez de Castro. Fino al 12 Gennaio 2018.

MIZAR – Arti visive Via di San Sebastianello 16B – 44, Roma.

CONTEMPORANEAMENTE. ARTE E DESIGN DELLA SECONDA META’ DEL XX° SECOLO. Collettiva con opere di Jannis Kounellis, Giulio Paolini, Ico Parisi, Gio’ Ponti, Mimmo Rotella, Mario Schifano. Fino al 22 Gennaio 2018.

MONITOR – Arti visive Via Sforza Cesarini 43A – 44, Roma.

ESCAPE FROM NEOLITHIC. Personale di Nathaniel Mellors. Fino al 20 Gennaio 2018.

MUSEI CAPITOLINI – Arti visive Piazza del Campidoglio 1, Roma.

IL TESORO DI ANTICHITA’. WINCKELMANN E IL MUSEO CAPITOLINO NELLA ROMA DEL SETTECENTO. Una mostra per celebrare gli anniversari della nascita e della morte del fondatore dell’archeologia moderna, Johann Joachim Winckelmann (1717-1768). Fino al 22 Aprile 2018.

MUSEI VATICANI – Arti visive Viale Vaticano, Roma.

FRANCESCO BORROMINI – I DISEGNI DELLA BIBLIOTECA APOSTOLICA VATICANA. La mostra è composta da un prezioso nucleo di disegni provenienti dalla Biblioteca Apostolica Vaticana che, nei suoi fondi, conserva importanti testimonianze grafiche e documentarie dell’artista. Fino al 5 Gennaio 2018.

MUSEO DELL’ARA PACIS – Arti visive Lungotevere in Augusta, Roma.

HOKUSAI: SULLE ORME DEL MAESTRO. Attraverso circa 200 opere la mostra racconta e confronta la produzione con quella di alcuni tra gli artisti che hanno seguito le sue dando vita a nuove linee, forme ed equilibri di colore all’interno dei classici filoni l’ukiyoe.. Fino al 14 Gennaio 2018.

MUSEO CARLO BILOTTI – ARANCIERA DI VILLA BORGHESE – Arti Visive Via Fiorello La Guardia 4, Roma.

CARTE. Personale di Antonietta Raphael Mafai. La mostra presenta una selezione di circa 50 carte realizzate dall’artista, la maggior parte delle quali inedite, che ripercorrono la sua lunga attività, dagli anni Venti fino al 1975, anno della sua scomparsa. Fino al 21 Gennaio 2018.

MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE – Arti visive Piazza Sant’Egidio 1/B, Roma.

’77 UNA STORIA DI QUARANT’ANNI FA. Personali di Tano D’Amico e Pablo Echaurren. Fino al 14 Gennaio 2018.

NOMAS FOUNDATIONInformativa Viale Somalia 33, Roma.

SERGEI EISENSTEIN. THE ANTHROPOLOGY OF RHYTHM. Mostra, giornata di studi, rassegna cinematografica. Il regista sovietico Sergej Ėjzenštejn ha compreso meglio di chiunque altro la necessità del ritmo nel rappresentare la trasformazione: in quanto mezzo antropologico di organizzazione delle esperienze, il ritmo diviene il principio motore della rivoluzione. La mostra esplora il convergere della dimensione artistica, antropologica e politica nei progetti incompiuti di Sergej Ėjzenštejn Que viva Mexico! (1931-1932), Il prato di Bežin (1935-1937) e Il canale di Fergana (1939), che testimoniano un modo unico e particolare di pensare il cinema condividendo un comune modello archeologico di storia e una costruzione antropologica dello sguardo. La mostra propone appunti, disegni, filmati e fotografie provenienti dagli archivi di Ėjzenštejn (RGALI – Archivio di Stato Russo di Letteratura e Arti e Gosfilmofond – Fondazione Nazionale Cinematografica della Federazione Russa) e illustra aspetti documentari ed etnografici finora poco conosciuti dell’opera del regista. Fino al 19 Gennaio 2018.

LA NUOVA PESA – CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEAArti Visive Via del Corso 530, Roma.

SCORRERE. Personale di  Leila Mirzakhani. Fino al 5 Gennaio 2018.

LA NUOVA PESA – CENTRO PER L’ARTE CONTEMPORANEAArti Visive Via del Corso 530, Roma.

THE IN-BETWEEN. Personale di Miranda Pissarides. Fino al 29 Dicembre 2017.

PALAZZO DELLE ESPOSIZIONIEvento Fumetto Via Nazionale 194, Roma.

MANGASIA. WONDERLANDSOF ASIAN COMICS. Fino al 21 Gennaio 2018.

PALAZZO VENEZIAEvento Via del Plebiscito 118, Roma.

ORIENTE INCONTRA OCCIDENTE. Le sale Quattrocentesche del Museo nazionale del Palazzo di Venezia ospitano la mostra “Oriente incontra Occidente: La Via della Seta Marittima dal XIII al XVII secolo”. Fino al 28 Gennaio 2018.

PALAZZO VENEZIAEvento Via del Plebiscito 118, Roma.

VOGLIA D’ITALIA. IL COLLEZIONISMO INTERNAZIONALE NELLA ROMA DEL VITTORIANO. La mostra presenta – per la prima volta in modo organico – la raccolta vasta e sorprendente che i coniugi statunitensi George Washington Wurts ed Henriette Tower misero insieme a cavallo fra XIX e XX secolo e donarono poi allo Stato italiano, per l’esattezza al museo di Palazzo Venezia, dove tuttora è conservata. Fino al 4 Marzo 2018.

PAVART – Arti visive Via dei Genovesi 12, Roma.

FLUSSO DI LINFA. Gli artisti Anna Cesarini, Antonio La Rosa, Barbara Lo Faro, Flavia Mitolo, Roberta Morzetti, Angelo Savarese, Olga Teksheva, per l’occasione si sono inspirati alle parole dell’artista Paul Klee sul significato dell’Arte. Fino al 25 Gennaio 2018.

REALE ACCADEMIA DI SPAGNA – Arti visive Piazza San Pietro in Montorio 3, Roma.

APOLOGIA DELLA FOLLIA. Personale di Nicolas Gless. Fino al 15 Febbraio 2018.

ROSSMUT – Arti visive Via dei Reti 29B, Roma.

SPARRING PARTNER. Personale di Luis Gomez. Fino al 15 Febbraio 2018.

SCUDERIE DEL QUIRINALE – Arti visive Via XXIV Maggio 16, Roma.

PICASSO: TRA CUBISMO E CLASSICISMO 1915 – 1925. È il febbraio del 1917 e in Europa infuria la Grande Guerra. Pablo Picasso, che ha solo 36 anni ma è già il grande pittore che ha guidato la rivoluzione cubista, arriva per la prima volta in Italia. A cento anni da quel viaggio che segnò tanto la sua arte quanto la sua vita privata, le Scuderie del Quirinale celebrano Pablo Picasso con questa grande mostra che si inserisce nel progetto Picasso Méditerranée del Musée National Picasso – Paris. Fino al 21 Gennaio 2018.

SECONDOME – Arti visive Via Giovanni da Castel Bolognese 26, Roma.

JEWELLERY FOR THE CURIOUS. Personale di Bela Louloudaki. Fino al 31 Gennaio 2018.

SET – SPAZIO EVENTI TIRSO – Informativa Via Tirso 14, Roma.

CALLAS E ROMA. UNA VOCE IN MOSTRA. Un percorso “vocale” nella vita artistica e personale di Maria Callas. Un evento speciale che chiude l’anno dedicato alle celebrazioni del quarantennale dalla scomparsa della grande artista (Parigi, 16 settembre 1977). Fil rouge della mostra sarà la Voce della Divina che attraverso una selezione di registrazioni storiche, alcune delle quali recentemente venute alla luce, accompagnerà i visitatori in un viaggio musicale attraverso la vita professionale e personale della Callas, ripercorrendo il decennio 1948-1958 che la lega alla città di Roma. L’originalità del progetto risiede nell’uso delle registrazioni sonore come oggetto espositivo, a corredo delle quali bozzetti, costumi di scena, immagini di archivio e testimonianze visive e sonore costituiranno il corollario di una esperienza d’ascolto intima e personale. Fino al 21 Gennaio 2018.

WUNDERNKAMMER – Arti visive Via Gabrio Serbelloni 124, Roma.

LONG LIVE REVOLUTION. Collettiva con opere di Tomaso Binga, Paolo Buggiani, Richard Hambleton, Keith Haring, Ken Hiratsuka. Fino al 20 Gennaio 2018.

Z2O SARA ZANIN GALLERY – Arti visive Via delle Vetrina 21, Roma.

MOTO ONDOSO STABILE. Collettiva con opere di Neil Gall, Rezi van Lankveld, Jinn Bronwen Lee, Nazzarena Poli Maramotti, Alessandro Sarra, Jessica Warboys. Fino al 3 Febbraio 2018.

Nessun commento