La Nuova Stagione del teatro Trastevere 2017/2018

0

Il Teatro Trastevere è un teatro “off”, che, come si può intuire dal nome, è felicemente ubicato in uno dei rioni più caratteristici di Roma, a pochi metri da dove era ubicata una famosa caserma dei bersaglieri, la stessa che ispirò a Ciaikowski le prime battute del celebre Capriccio Italiano!  In altre parole, un luogo dove si respira la storia della città e dei suoi aspetti culturali più vivaci.

Il Teatro Trastevere, pur essendo relativamente giovane, si è ben inserito della dinamica e nell’evoluzione del palcoscenico romano. E come succede molto spesso con i teatri “off” (che poi sarebbero quelli da cento posti!), si tratta di spazi che ospitano compagnie giovani, nuovi talenti, nuovi autori, che saranno le promesse del teatro di domani; ma a volte, ospitano anche nomi affermati.

Gli spettacoli hanno una “tenitura” molto breve (mediamente quattro/cinque giorni). Ciò fa supporre che molti di questi partiranno dal Trastevere per poi approdare, magari, altrove. Sul sito del teatro, è possibile leggere tutto il cartellone, in ordine cronologico: per ogni spettacolo è presente una sinossi molto approfondita, con l’indicazione dettagliata dei cast, degli autori e della regia, insomma, un lavoro ben fatto, per destare curiosità e interesse. Per questo motivo, non stiamo a citarli tutti, ma ci limitiamo appena a segnalarne alcuni.

La stagione inizia il 10 ottobre con DEJA VU, un thriller comico di Lorenzo Misuraca che si preannuncia interessante e ricco di sorprese.

Dal 19 ottobre ci sarà un omaggio al poeta latino Ovidio, con MAESTRE D’AMORE, ovvero una rivisitazione dell’ Ars Amatoria

 

Dal 7 novembre PRIMI! (DEI NON ELETTI) scritto e diretto da Adriano Bennicelli, una cronaca tragicomica che parla di quattro uomini che cercano di raggiungere il successo, ma ad

un passo dal traguardo, qualcosa non va come dovrebbe. Insomma, gli ultimi sono solo i primi dei non eletti.

28 dicembre al 2 Gennaio I Parzialmente Scremati presentano UNA VOLTA NELLA VITA una commedia di Gianni Clementi. Una storia surreale e grottesca che ambientata in un obitorio, dove quattro individui si ritrovano ricoperti da un funereo lenzuolo bianco! Una esilarante commedia, ricca di imprevisti che si snoda tra suspense e brivido comico. E come se ne uscirà?

Dal 4 al 7 Gennaio IL CUORE A GAS, una pièce surreale in cui parti del corpo umano si parlano tra di loro! Ci sarà anche un omaggio particolare a Shakespeare, odiato e amato, entro febbraio sarà in scena DUE SULL’ALTALENA di William Gibson: una fantastica escursione nella New York del 1959. A marzo, LE PETIT ROBE NOIR, ovvero uno speciale omaggio a Edith Piaf, e quindi LA 104 (la famosa legge di cui molti approfittano ai danni dell’INPS. Una commedia che in realtà parla del sociale, degli invalidi, quanto mai attuale. Si prosegue con CIRCUS, una pièce ambientata nel mondo circense, e passando per Anna Frank si arriva a un grande classico, CYRANO’- COMMEDIA EROICA di Edmond Rostand.

La stagione si concluderà il 29 maggio con IL SEQUESTRO, scritto e diretto da Federico Maria Giansanti. Come si può intuire, un cartellone variegato, che lascia spazio a linguaggi ed esperienze teatrali li più diverse.  Interessante e da seguire, per quanti sono “curiosi” del teatro, in tutte le sue forme. Come abbiamo già detto, per i dettagli completi, si rinvia al sito del teatro.

Buona visione!

Salvatore Scirè

Condividi
Articolo precedenteLa nuova stagione del teatro Tirso de Molina
Prossimo articoloInteressanti film al Fiff 2017
Salvatore Scirè
giornalista e fotografo – commediografo e regista teatraleLaureato in Giurisprudenza, ha studiato lingue straniere e musica. In campo giornalistico si è occupato di vari temi, ma ha sempre prediletto il reportage geografico, formando testi e foto e pubblicando su importanti testate nazionali.E’ autore di tre libri fotografici: Roma nel cuore (Rizzoli Editore l982, prefazione di Carlo Lizzani) Gargano spettacolo della natura (Ed. Magnus 1987, prefazione di Nantas Salvalaggio) Roma colori del tempo (Il Capitello 1989 - II ediz. 2000 - prefazione di Giulio Andreotti). Ha pubblicato il saggio umoristico Donne... maneggiare con cura! (Liux Edizioni 2012)Da 22 anni scrive per il teatro come commediografo; da 16 anni si occupa anche di regia teatrale. Ha scritto una ventina di commedie, tra cui Professione separata! Ciao papà, ti presento mia madre!Cocktail di scambi; C’è un morto giù in cantina!

Nessun commento