Consigli per la lettura ottobre 2017

0

Un autunno denso di novità e sorprese, non tutte piacevoli in verità   che si apre all’insegna della lettura impegnata con eventi importanti e assegnazioni di premi letterari prestigiosi.

NARRATIVA ITALIANA

L’avevamo proposto tra le letture consigliate per l’estate e oggi,  L’Arminuta, il romanzo di Donatella di Pietrantonio, si è aggiudicato il Premio Campiello 2017 con un’ assegnazione a sorpresa, grazie al verdetto popolare che ha ribaltato quello della giuria tecnica. Un vero e proprio coupe de theatre che ha portato in vetta alle classifiche la storia tutta italiana di una giovane donna ritornata (Arminuta appunto) nel suo piccolo paese d’origine dell’entroterra Teramano. Una storia di abbandoni ma anche di riscoperte, di confronti e scontri con realtà che sembrano incompatibili.

Figlie abbandonate che ritornano, figlie che nascono e cambiano la vita. Saverio Tommasi con il suo delicato Siate ribelli, praticate la gentilezza ci propone un testo apparentemente semplice, dettato dal cuore e veicolato dal sentimento che la presenza delle sue bimbe gli suscita. A cavallo tra un saggio e un romanzo, l’autore affronta i temi della vita con gli occhi innocenti di queste due creature che si affacciano al mondo. Un mondo insidioso certamente, violento e spietato ma che solo con il linguaggio del cuore può trovare una ragion d’essere. La ricetta rivoluzionaria è contenuta nel titolo: praticare la gentilezza. In un’epoca ruvida ed individualista l’unica strada è quella della comprensione, dell’ascolto. Imparare a rispondere e reagire con garbo l’unica salvezza possibile.

Controvento. Storie e viaggi che cambiano la vita di Federico Pace ci propone un’altra chiave di lettura, quella del viaggio. Viaggiare non aiuta soltanto a fuggire da una realtà opprimente ma è anche spunto di rinascita, di introspezione. Attraverso i racconti di viaggi illustri (da Van Gogh a Joni Mitchel da Frida Kahlo a David Bowie, Paul Gauguin, Fernando Pessoa), l’autore analizza le dinamiche della scoperta, a volte dolorosa a volte esaltante. Fuge, vacanze, corse verso l’ignoto… l’importante è muoversi, “uscire dal guscio” ed aprirsi al mondo per conoscere meglio noi stessi. Una scrittura piacevole come il viaggio che ognuno di noi dovrebbe fare alla scoperta di sé  per raggiungere la pace interiore.

  1. Donatella di Pietrantonio – L’Arminuta – Ed. Einaudi – € 17,50
  2. Saverio Tommasi – Siate ribelli, praticate la gentilezza – Ed. Sperling & Kupfer – € 16,90
  3. Federico Pace – Controvento. Storie e viaggi che cambiano la vita – Ed. Einaudi – € 14,00  

NARRATIVA STRANIERA

Nobel per la Letteratura 2017, Kazuo Ishiguro, giapponese di nascita ma inglese d’adozione è uno scrittore intenso. Nei suoi libri traspare tutta la sua natura complessa di uomo multiculturale che nonostante si sia trasferito in Inghilterra da bambino e scriva in lingua inglese, rivolge il suo sguardo sul mondo con la stessa sensibilità dei grandi romanzieri nipponici. Nel panorama variegato della letteratura inglese, Kazuo Ishiguro, ha contribuito di fatto a caratterizzare, insieme ad autori come Rushdie e Kureishi, i tratti più salienti della letteratura anglosassone.

Lo omaggiamo proponendovi la lettura de Il gigante sepolto. Certamente non il suo romanzo più famoso ma forse quello che più di altri mette in luce la complessa natura di Kazuo Ishiguro. Tra le nebbie fitte e inquietanti della campagna inglese si consuma un dramma della memoria. L’epoca non è recente, l’ambientazione avvolta nel grigio sempre più fitto. Questa nebbia strana costringe i protagonisti ormai anziani a mettersi in viaggio alla ricerca di un tempo perduto. Ma non saranno soli…

Kazuo Ishiguro – Il gigante sepolto – Ed. Einaudi – € 20,00  

 

SAGGISTICA ITALIANA

Nel cinquantenario della morte di Ernesto Che Guevara, esce in questi giorni il libro di Tiziana Barillà Don Quijote de la Realidad. Ernesto Che Guevara e il Guevarismo, dedicato alla figura di questo eroe sudamericano. Un libro necessario che fa luce sulle numerose ombre che negli anni si sono addensate intorno alla figura del Che, sulla sua vita ma anche e soprattutto sulla sua morte. Il Che, da sempre lancia in resta, è ora il Donchisciotte moderno, un eroe in carne ed ossa, non un visionario ma un sognatore che pensa e agisce per una giustizia sociale.

Non a caso il Donchisciotte è uno dei libri più amati da Che Guevara che gli riconosce un alto valore educativo tanto da usarlo come libro di testo per la formazione delle reclute della guerriglia, lo cita  e lo accompagna sempre nei momenti più intimi, più drammatici della sua vita, fino alla fine. Don Quijote de la Realidad è un atto dovuto verso l’umanità tutta e un omaggio ad un uomo straordinario.

Tiziana Barillà Don Quijote de la Realidad. Ernesto Che Guevara e il guevarismo – ed. Bookabook € 13,60  

Tra le recenti uscite editoriali, interessantissimo il libro dossier a cura di Franca Marcomin e Laura Cima, L’ ecofemminismo in Italia, le radici di una rivoluzione necessaria, frutto di una lunga ricerca tra le storie delle moltissime protagoniste del mondo Verde   ma anche una raccolta di documenti e atti che testimoniano un’epoca recente dove i valori ambientali, la Nonviolenza e la Solidarietà erano considerati prioritari. Nasce dalla forte volontà di due attiviste storiche, Franca Marcomin e Laura Cima, di colmare un vuoto e di raccontare un tratto di storia italiana con gli occhi delle donne, madri, compagne, attiviste in genere del Pensiero Verde che, come vedremo è tutt’altro che univoco. All’interno un capitolo è dedicato anche a chi scrive.

Franca Marcomin- Laura Cima – L’ecofemminismo in Italia. Le radici di una rivoluzione necessaria- Ed. Il Poligrafo – € 25,00

Concludiamo questa rassegna ricordando Pierluigi Cappello un autore e un poeta straordinario, prematuramente scomparso lo scorso primo ottobre. Lui, poeta per “condizione biologica” ha raccontato la vita come da una finestra, costretto ad osservarla dalla sua sedia a rotelle da quando, giovanissimo, ha subito un grave incidente stradale. Lui che amava correre e ci riusciva pure bene. Lui che a causa (o grazie) a questa limitazione è stato costretto a osservare il mondo da fermo, in un’apparente Stato di Quiete.

La sua bellezza interiore, la grazia infinita delle sue descrizioni lo rendono uno tra i poeti più importanti della nostra storia. Pluri premiato, ha vissuto in estrema semplicità tanto da suscitare l’attenzione dei suoi sostenitori e amici ed ottenere un vitalizio grazie alla legge Becchelli. “Non si vive di sola poesia” diceva… ma certamente senza si muore. Stato di Quiete, uscito nel 2016, è una raccolta di poesie che abbraccia lo spazio di sei anni, trenta poesie che descrivono viaggi nel tempo, dal passato verso il futuro. Sei anni di quiete apparente, appunto, di apparente silenzio e profondo ascolto. Le parole affiorano in superficie e pian piano    si compongono in immagini raffinate. Come  frecce  potenti scagliate contro e verso il tempo, corrono lontano e senza più confini né barriere raggiungono l’immortalità dei grandi autori. Finalmente.

Pierluigi Cappello – Stato di Quiete – Bur contemporanea 

Roberta Ferruti

Fotootofoto 10 10 12,00 anche in formato Kindle

Condividi
Articolo precedenteIl mio Godard al cinema
Prossimo articoloSirene su Raiuno dal 26 ottobre
Roberta Ferruti
Giornalista free lance. Ha iniziato negli anni '90 come cronista collaborando con diverse testate locali e nazionali. Ha scritto per Avvenimenti, Paese Sera, Il Manifesto e L' Espresso. Ha lavorato con Vito Bruschini per Laservision Edizioni curando pubblicazioni su arte, cultura, musica e salute. Lo scorso anno ha intrapreso un lungo viaggio in solitudine sulle rotte dell'immigrazione che si è concluso a Riace. Nei suoi blog https://tralerigheweb.wordpress.com/ http://www.tralerighe.cloud/ racconta di questo lunga e toccante esperienza e di storie di immigrazione e accoglienza. Attivista Verde negli anni '80 e '90, da sempre sensibile alle tematiche pacifiste ed ecologiste, è coautrice di una recente pubblicazione de Il Poligrafo L' ecofemminismo in Italia. Le radici di una rivoluzione necessaria a cura di Laura Cima e Franca Marcomin. Dal 2016 collabora continuativamente con Visum, dove cura la rubrica di Consigli per la lettura.

Nessun commento