La nuova stagione del teatro Vittoria

0

Anche il Teatro Vittoria ha presentato al suo pubblico e alla stampa romana la stagione teatrale 2017-2018. Stagione che il Direttore Artistico Viviana Toniolo , richiamandosi alla mitologia greca e alla dea Nike (la dea della Vittoria), ha voluto dedicare al Vittoria, il teatro che vince!

Anzi, nell’occasione, la compagnia stabile del Vittoria Attori&Tecnici ha voluto chiarire ufficialmente la questione della “presunta vendita” del teatro. In realtà, si tratta soltanto di una vendita dell’immobile che ospita la struttura, quindi – se l’affare andrà realmente in porto – in pratica cambierà solo la proprietà a cui pagare l’affitto. Il contratto è in pena validità e l’ipotetico acquirente dovrà rispettarlo, subentrando in toto al vecchio proprietario. In poche parole, “l’impresa” teatrale non subirà alcuna variazione o conseguenza.

Ciò chiarito, (è sempre utile spiegare certe cose all’opinione pubblica, spesso vittima ignara di certi titoli giornalisti volutamente sensazionali, ma fuorvianti), vediamo che cosa ci riserva la prossima stagione teatrale, composta da 12 spettacoli in abbonamento e 9 fuori abbonamento.

Dal 3 al 15 ottobre la compagnia Attori&Tecnici presenta in prima assoluta Segreti di famiglia, di Enrico Luttmann, con Viviana Toniolo e Stefano Messina, per la regia di Marco M.Casazza.

 

A seguire (31 ottobre-5 novembre) salirà sul palco Giobbe Covatta con La Divina Commediola, un originale omaggio a Dante… in napoletano.

11 e 12 novembre sarà ospite del Vittoria il giornalista e scrittore Paolo Mieli, con Era d’ottobre, storica illustrazione di personaggi e fatti che hanno percorso la storia del comunismo in Russia.

Dal 21 al 26 novembre: Contemporary tango, un balletto su musiche di Astor Piazzolla.

Dal 27 al 29 novembre, Elio Crifò e Vittorio Sgarbi presenteranno I misteri dell’arte italiana medioevale.

Dal 30 novembre al 10 dicembre Finchè giudice non ci separi, una commedia di grande attualità scritta da Augusto e Toni Fornari, Andrea Maia e Vincenzo Sinopoli.

Dal 12 al 23 dicembre toccherà di nuovo alla compagnia stabile Attori & Tecnici che ci ripropone un classico (ormai un must) ossia il travolgente “Rumori Fuori Scena” , ormai al 34° anno di repliche.

Dal 26 dicembre al 7 gennaio 2018 ancora in scena la compagnia stabile Attori & Tecnici in Terapia di gruppo, una divertente commedia di C. Durang, nell’allestimento firmato da Stefano Messina. Il tema è di grande attualità: bisessualità e omofobia, affrontati e trattati con l’arma dell’ironia e della leggerezza.

Dall’11 al 28 gennaio, invece, la compagnia Attori & Tecnici proporrà al pubblico del Vittoria Il diavolo, certamente, di Andrea Camilleri in una speciale ambientazione: un compartimento ferroviario!!!!

Il 29 e 30 gennaio, tocca alla politica internazionale: nel senso che Federico e Jacopo Rampini proporranno Trump blues, come dire, musica e riflessioni sul ciclone Donald e sull’America odierna!

Dal 31 gennaio all’11 febbraio sarà in scena La Cena Perfetta di Sergio Pierattini, per la regia di Nicola Pistoia: l’allestimento è de La Contrada Teatro Stabile di Trieste. Dal 15 febbraio al 18 marzo sarà in scena un progetto di Gianluca Ramazzotti: Storie di Fantasmi, un lavoro da brivido scritto da J. Dyson e A. Nyman…. Staremo a vedere!

Dal 20 al 31 marzo sarà la volta di Max Pajella che con Caterina Brigliadori propone Tutto esaurito, una riflessione comica sui nostri difficili tempi!!!!

Dal 6 al 15 aprile tocca a La divina Sarah, un omaggio alla grande attrice Sarah Bernardt, con la regia di Marco Carniti.

 

Segue Tullio Solenghi, che dal 17 al 22 aprile proporrà un interessante lavoro su Wolfgang Amadeus Mozart, insieme con il Trio d’archi di Firenze: una felice e intrigante commistione fra la musica da camera e il teatro.

 

 

 

Dal 24 al 29 aprile  sul palco ci sarà Alberto Giorgi, in L’Illusionista, mentre il 3 maggio si esibirà Aldo Cazzullo in Le donne erediteranno la terra: uno spettacolo dedicato all’azione, così come gli altri spettacoli del mese, che segna la conclusione della stagione.

Infatti, dal 4 al 6 maggio avremo Omaggio a Fallaci, ossia Maria Rosaria Omaggio che racconta Oriana Fallaci; dall’8 al 13 Giulia Lazzarini rende omaggio al Premio Nobel Rita Levi Montalcini con Le Parole di Rita, un racconto teatrale per voce, video e musica; 15 e 16 maggio Galatea Ranzi sarà La Fata Matematica, scritto e diretto da Valeria Patera.

Dal 17 al 27 maggio, infine il Vittoria ospiterà lo spettacolo vincitore della rassegna “Salviamo i talenti – Premio Attilio Corsini 2017”.

Come sempre, il Vittoria offre un cartellone articolato e trasversale, per tutti i gusti e per un pubblico di tutte le età.

Per maggiori dettagli, rinviamo al sito www.teatrovittoria.it

Salvatore Scirè

Condividi
Articolo precedenteLuca Pacioli a San Sepolcro
Prossimo articoloAl MAXXI annunciate le cinquine dei Nastri d’Argento 2017
Salvatore Scirè
giornalista e fotografo – commediografo e regista teatraleLaureato in Giurisprudenza, ha studiato lingue straniere e musica. In campo giornalistico si è occupato di vari temi, ma ha sempre prediletto il reportage geografico, formando testi e foto e pubblicando su importanti testate nazionali.E’ autore di tre libri fotografici: Roma nel cuore (Rizzoli Editore l982, prefazione di Carlo Lizzani) Gargano spettacolo della natura (Ed. Magnus 1987, prefazione di Nantas Salvalaggio) Roma colori del tempo (Il Capitello 1989 - II ediz. 2000 - prefazione di Giulio Andreotti). Ha pubblicato il saggio umoristico Donne... maneggiare con cura! (Liux Edizioni 2012)Da 22 anni scrive per il teatro come commediografo; da 16 anni si occupa anche di regia teatrale. Ha scritto una ventina di commedie, tra cui Professione separata! Ciao papà, ti presento mia madre!Cocktail di scambi; C’è un morto giù in cantina!

Nessun commento