Award per la 12° edizione di Meeting on the bridge

0

I meeting on the Bridge, ovvero gli Incontri sul Ponte,sono diventati importanti qui ad Istanbul e nel resto del mondo per la maniera costruttiva che hanno di mettere in comunicazione chi fa il cinema con gli addetti ai lavori provenienti da tutto il mondo. Gli Incontri sul Ponte (MOB) accendono infatti i riflettori sui progetti turchi e quelli dei paesi confinanti, con l’obiettivo di creare nuove opportunità di collaborazione con i professionisti della regione e in Europa.

Importante è quindi la possibilità per i registi, di avere la prima presentazione internazionale dei loro nuovi progetti cinematografici, o presentare film che sono già in fase di post-produzione, mirando così anche a spianare la strada per le coproduzioni.
Nel Workshop di Meeteng on the Bridge 2017 sono stati presentati quest’anno quattordici progetti di film e sei in post produzione provenienti dalla Turchia, Syria, Georgia, Grecia e Azerbaijan.

La giuria internazionale del Film Development Workshop composta da Maria Drandaki (Homemade Films), Matthieu Darras(Torino Film Lab), Rémi Burah (Arte France), Riina Sildos(Amrion), Zsuzsi Bankuti(The Match Factory) ha assegnato il premio di 30.000 Lire Turche al regista Selcen Ergun ed al produttore Zeki Peynirci per il loro film Snow and The Bear.

Il Development Workshop Film ed il Neighbours Platform projects hanno assegnato il premio, quest’anno di 8000 Euro, a Il Traduttore del regista Anas Khalaf ed al produttore Nicolas Leprêtre’e. Il premio Melodika per il sonoro l’hanno portato invece a casa il regista Beyza Boyacioglu ed il produttore Selin Murat per il progetto A Prince from Outer Space: Zeki Müren.
Il produttore Armaðan Lale ed il regista Ceylan Özgün Özçelik del Progetto 18+ hanno ricevuto poi l’Award GeniusPark Effetti speciali. Il premio MFI, Istituto Mediterraneo Film Script e Development Workshop che comprende quattro fasi, è andato al regista Ali Özgür Baltaoðlu ed al produttore Çaðdaþ Öztürk per il loro progetto Hangnail. Regista e sceneggiatore parteciperanno così al workshop di script, che si svolgerà, nel 2017, nelle isole greche di Nisyros e Samos mentre le altre due saranno ahimè online, ma credo che i vincitori si accontenteranno…

Per la prima volta poi quest’anno, il Premio Transilvania Pitch è stato dato al produttore Zeki Peynirci ed a Selcen Ergun, regista del progetto Snow and the Bear.

 

 

I giurati di Work in Progress Awards – sezione giunta alla sua sesta edizione e che mira a sostenere lungometraggi e documentari nella loro fase di post-produzione – Lorenzo Esposito (Locarno Film Festival), Konstantina Stavrianou (Graal) e Hédi Zardi (Luxbox) hanno assegnato il premio al regista e produttore Gürcan Keltek per Meteors. Infine per il film Cano, il regista Mehmet Salih Demi ed il produttore Çekdar Erkýran si sono assicurati il premio per la miglior comunicazione digitale.

 

Appuntamento all’anno prossimo per nuovi Incontri a cavallo tra le due sponde del magico Bosforo.

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteEduard Manet a Palazzo Reale
Prossimo articoloLa notte della Tosca al teatro Manzoni
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento