La Barcaccia su Radio3

0
395

L’opera lirica alla radio. Un ascolto da melomani, uno spazio intimo per addetti ai lavori da trasmettere in ore serali, notturne o in ogni caso Foto in ore non di punta. A quanti utenti della radio può interessare un ascolto maledettamente serio come il melodramma? E quanto può durare nel tempo un programma simile?

Tutte queste premesse sono clamorosamente smentite da Enrico Stinchelli e Michele Suozzo ideatori, curatori e conduttori de La barcaccia che hanno il merito di avere avuto la capacità di ribattezzare un ambito, comunemente ritenuto “solenne”, coi toni dell’ironia e con l’occhio acuto della satira, al fine sia di soddisfare gli appassionati sia di catturare l’interesse degli ascoltatori estranei al genere.

La barcaccia, nel gergo teatrale, è un palchetto di forma allungata ai lati del palcoscenico. Questa collocazione permette di assistere alla rappresentazione teatrale da una posizione particolarmente ravvicinata, garantendo così a chi vi è seduto una visione privilegiata e più “critica” dello spettacolo.

 

Il programma La barcaccia in onda ogni giorno su Radio 3 Rai www.radio.tre.rai.it dal 1993 (costituisce il proseguimento di Foyer nato nel 1988) è anche uno sguardo sulla storia dell’opera e sulla vita dei teatri, grazie alla messa in onda di registrazioni rare e di recensioni di qualità, e riesce a soddisfare anche i gusti degli ascoltatori più esperti ed esigenti, grazie al suo stile tra il serio e il faceto.

Viene dato ampio spazio alle cosiddette “Perle Nere” cioè all’ascolto delle peggiori “stecche“, esecuzioni, o orrori musicali di varia natura. Il suo segreto è la colloquialità, il saper coniugare il
gioco alla serietà, saper ridere e discutere di tutto e di tutti, saper polemizzare, saper denunciare, saper smitizzare. Il tutto fatto con grande passione e professionalità dal tenore Enrico Stinchelli e dal critico musicale Michele Suozzo.

 

Ascoltando La barcaccia si impara, ci si diverte, si ricorda, si entra in un mondo per molti oscuro e ovattato, accompagnati per mano da due grandi intenditori e professionisti che si possono
permettere di giocare a smitizzare l’opera lirica. Così facendo si apprezza una musica che ci sembrava difficile, quasi inascoltabile che si impara ad ascoltare e ad apprezzare “dal di dentro”.

La Barcaccia è un programma radiofonico trasmesso dal lunedì al venerdì dalle ore 13:00 alle 13:45 sulle frequenze di Radio 3 Rai in FM 93,7. Se volete saperne di più, ascoltare via Web o riascoltare le puntate precedenti basta andare su http://www.labarcaccia.rai.it/dl/portaleRadio/Programmi/Page-6a4a4129-ebb8-416f-b9bf-b832d8477a5c.html?set=ContentSet-6536cea2-409e-4875-9508-37de7688afff&type=A
Buona radio da Raffaele Vincenti

Condividi
Articolo precedenteLa febbre del sabato sera
Prossimo articoloIl mistero dell’assassino misterioso – Presentazione
Raffaele Vincenti
Laurea in Sociologia. Dal 1972 al 2012 dipendente Rai: TV, Radio e ultimi 12 anni alla Direzione Teche. Ha pubblicato La prima volta del telefono (La storia del 3131 dal 1969 al 1995) Eri 2009 e Cento voci dall'Italia (I documentari e le inchieste di Radio Rai dal dal 1945 al 2011) Eri 2011. E' autore di articoli sulla radio in varie pubblicazioni. Per i 90 della radio (2014) ha scritto Intervista impossibile a R.Hertz e rappresentata in teatro con M. Mirabella. Tiene corsi di Storia della Radio alla Facoltà di Sociologia di Roma.

Nessun commento

Rispondi