E ci do che ci do che ci do – Recensione

0
346

Solo per tre giorni, al Teatro Golden di Roma, ma poi lo spettacolo riprenderà a marzo in tournée, si è riunita per il teatro la famosa coppia di Gigi e Andrea, con lo spettacolo E ci do che ci do che cido – Vite, torte e miracoli per festeggiare i 40 anni della loro carriera, dagli Anni 80 ad oggi. La regia è firmata da GigiSammarchi.

Solo per tre giorni, al Teatro Golden di Roma, ma poi lo spettacolo riprenderà a marzo in tournée, si è riunita per il teatro la famosa coppia di Gigi e Andrea con lo spettacolo E ci do che ci do che cido – Vite, torte e miracoli, per festeggiare i 40 anni della loro carriera, dagli Anni 80 ad oggi. La regia è firmata da GigiSammarchi.

Ci do che ci do che ci do, oltre ad essere il titolo di questo spettacolo, è stata anche la colonna sonora durante i titoli di testa del film Acapulco prima spiaggia… a sinistra, di Sergio Martino, il titolo più famoso del piccolo catalogo cinematografico della coppia Gigi e Andrea.
Gigi e Andrea, due eterni “ragazuoli”, così si definiscono nonostante l’età, in tutti questi anni ci hanno aiutato a sorridere e a divertirci e a pensare che ridere, poi, dopotutto, fa bene alla vita.

40 anni di carriera, tra alti e bassi: dagli esordi con Francesco Guccini che ci racconta in un filmato durante lo show su loro due che iniziarono cantando in un coro e poi suonando in un piccolo complesso, per arrivare a lavorare in Rai alla Tv nel 1977 con Io e la Befana con Sandra Mondaini e poi in altri programmi famosissimi come Hello Goggi, C’era Due Volte, per poi giungere in Mediaset di Berlusconi, con spettacoli di successo come Premiatissima, Grand Hotel, Festival, continuando poi con cinema e teatro.

Su un grande schermo dietro le loro spalle sono stati proiettati foto, filmati, testimonianze di chi ha lavorato con loro, di chi li ha conosciuti da ragazzi, di chi ha condiviso esperienze professionali che ora non c’è più, come Gigi Sabani, Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, momenti della loro vita pubblica e privata che ci fanno conoscere meglio le personalità, i caratteri di Gigi e Andrea, ma foto anche della coppia di quando erano ragazzi e inseguivano i loro sogni, iniziando la loro primissima carriera dall’Osteria delle Dame a Bologna.

Dopo tanta comicità romana, milanese, napoletana, arrivava quella bolognese, con la parlata emiliana. Si sa che il classico personaggio bolognese ha, da sempre, una sua dote di innata simpatia, ma fino ad allora, nel mondo dello spettacolo, la parlata bolognese la si sentiva solo da chi impersonava donne di malaffare.

La serata è stata piacevole, Gigi e Andrea hanno riproposto gli sketch più famosi (uno per tutti quello di Andrea che fa la Mamma in vestaglia che fa la calza con Gigi che fa il figlio un po’ mammone) e qualcuno anche inedito. Si sono alternate comicità vivace e comicità malinconica cabarettistica, legata al passato, forse un po’ datata.

Ciononostante Gigi e Andrea rimangono sempre due ottimi comici, con tutte le carte in regola, anche cantanti, che ancora possono dar del filo da torcere alle nuove generazioni. Uno spettacolo da vedere, quando riprenderà a marzo in tournée.

Giancarlo Leone

Nessun commento

Rispondi