Dopo fiction su Rai Uno

0
309
Il vicedirettore di Rai1 Andrea Fabiano nella sede Rai di Milano in corso Sempione per la presentazione alla stampa della fiction "Velvet" in onda su Rai 1, 10 marzo 2015. ANSA / MATTEO BAZZI

Conferenza anomala oggi, giorno di San Valentino, a qualche centinaia di metri da Viale Mazzini, a Piazza Monte Grappa 1, in un inusuale Bagel bar, location che diverte più dei nostri tradizionali  appuntamenti, il giovane direttore di Raiuno, Andrea Fabiano appena arrivato da San Remo. Oggetto dell’informale e divertente incontro di oggi Dopo Fiction che potete leggere tutto attaccato o staccato, perché in effetti è la stessa cosa, ovvero un salotto post fiction, un luogo del sorriso e della riflessione che da dopodomani, dalle 23,35 attirerà la vostra attenzione di spettatori di prima serata in un piacevole vortice di inaspettate imprevedibilità.

Piacevolezza e imprevedibilità dovute a due campioni dell’umorismo, due pesi massimi della risata intelligente, Nino Frassica e Flavio Insinna, a cui si aggiunge l’humour tutto francese di Nathalie Guetta, indimenticabile Natalina nell’amatissima serie di Don Matteo, senza dimenticare però i numerosi film girati con registi come Pupi Avati, Paolo Genovese, Luca Minieri, Christian De Sica e Cristina Comencini tanto per citarne alcuni.

Il lancio di Dopo Fiction è stato all’insegna dell’allegria e della battuta a cominciare dal direttore Andrea Fabiano che ci ha raccontato la genesi di una delle novità del palinsesto di Rai1 “Con Dopo Fiction, abbiamo voluto riaprire la strada dell’intrattenimento in seconda serata assente da tanti anni. L’idea è venuta dopo una chiacchierata con Frassica, una delle prime persone che ho voluto incontrare subito dopo il mio incarico da direttore. Ho trovato una grande potenzialità nella sua proposta che è così diventata realtà. E da qui, subito dopo è nata poi l’idea di avere accanto Insinna. L’atmosfera sarà quella di una grande festa scherzosa”.

Nino Frassica, con la sua solita simpatia esordisce con: “Come il Festival ha il DopoFestival, la Fiction ha il DopoFiction. Esiste anche il dopo lavoro. E la sigaretta viene dopo”. Sui suoi compagni di lavoro è icastico, “Flavio è l’unico conduttore che parla bene, io non ne azzecco una. E Nathalie, è francese. Le abbiamo messo un traduttore”.
In quanto ai suoi ricordi sulle serie Tv lancia “Ricordo che quando vidi la prima puntata di Un posto al sole alcuni attori non sapevano recitare. Oggi sono diventati molto bravi. Alcuni. Altri sono rimasti così.”.

 

Flavio Insinna dà fondo anche lui al suo patrimonio di ricordi e lancia “Nell’ottobre 1998 ho girato la mia prima fiction insieme a Nino in Don Matteo. Poi non abbiamo più lavorato insieme, tranne qualche reciproca ospitata. La cosa preziosa però è che dal 1998 mi onora della sua amicizia. Nino, quando lo chiami, lo trovi sempre. Nino c’è”.
Uomo generoso nei confronti degli altri il suo metro è diverso nel giudicare, infatti è convinto che “Dobbiamo essere felici anche dei successi delle fiction degli altri. In Italia gli attori un po’ piccini non lo sono. Invece, se una fiction non tua va bene, significa che se ne faranno altre…”.

In quanto a Nathalie Guetta, per lei è un debutto nell’intrattenimento, infatti confessa di averlo fatto “solo una volta e tanto tempo fa con Marisa Laurito. Sono felice di fare qui la prima donna, anche se ho un pò di apprensione”.
Per ora non vi diciamo di più salvo l’appuntamento per dopodomani 16 febbraio alle 23,35 subito dopo Un passo dal cielo 4. E gli ospiti della prima puntata, niente popòdimenoche , come diceva Mario Riva, sono  Beppe Fiorello, Elena Sofia Ricci, Daniele Liotti e Terence Hill”. Ne vedrete delle belle!

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteSanremo 2017: a sorpresa trionfa Gabbani
Prossimo articoloKeith Haring a Palazzo Reale di Milano
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento

Rispondi