C’era una volta Studio Uno su Rai1

0
306

Subito dopo San Remo il 13 e 14 febbraio, come dono di San Valentino è in arrivo la coinvolgente miniserie di Raiuno C’era una volta Studio Uno, il film di Riccardo Donna prodotto da Lux Vide in collaborazione con Rai Fiction, presentato oggi a Roma in Rai, nel Salone degli Arazzi  di viale Mazzini.

Per i più âgée,  sarà un gradito, nostalgico ritorno ad un tempo in cui, una trasmissione come Studio Uno, ha veramente offerto un cambiamento epocale nella maniera di fare televisione. Un periodo magico in cui gli italiani il sabato sera avevano libero accesso ai sogni con il varietà più innovativo della Rai Anni Sessanta, quello che lanciò la voce indimenticabile di un’artista internazionale come Mina, e che fece fantasticare tutti i maschi dai quindici agli ultraottantenni,  ammirando la perfezione delle lunghe gambe inguainate di nero delle sorelle Kessler che tornavano a ballare con le Bluebelle Girls.

Tinni Andreatta, direttore di Rai Fiction ha esordito dicendo che “A cinquantasei anni di distanza la Rai celebra un programma che ha fotografato un’epoca. Ecco così la cinquecento, gli elettrodomestici e le nuove professioni a cui le donne si affacciavano.  Ed il cuore di questo racconto è quello del varietà del sabato sera, che irrompe prepotentemente nella casa di tutti gli italiani, coinvolgendoli, commuovendoli, facendoli  sognare”.

E non solo – riprende Andreatta –  perché dietro le quinte infatti c’è la linea narrativa, quella di Falqui, Sacerdote  e di Ettore Bernabei. E c’è il racconto delle tre  ragazze, che hanno delle debolezze ma anche la ferma volontà  di voler entrare nel progetto che riguarda il futuro della Rai,  il tutto tratteggiato con grande sapienza narrativa”.

 

Dal canto suo il regista Riccardo Donna, autore tra l’altro di lavori come Le ragazze di Piazza di Spagna, Padri, Raccontami una storia, Questo piccolo grande amore  e Come fai sbagli, tanto per citarne alcuni , sottolinea  di “essere nato con la televisione, alla Rai. È stato come girare un film su casa mia. Quando Falqui ha inventato Studio Uno io non c’ero ancora, ma credo che le cose siano andate proprio così. Un  back stage del passato che ho fatto con una ricostruzione scenografica e dei costumi. Descrivendo poi  sogni e aspirazioni  dei giovani che arrivavano alla Rai pieni di speranza”.

Figlia  di Ettore, il dg mito di quegli anni, Matilde Bernabei, che ha coprodotto la miniserie insieme al fratello Luca, confessa “ Questa fiction mi è particolarmente cara. Allora  avevo solo sette anni. E, come  tutti i bambini, andavo a letto dopo Carosello. Solo  qualche volta, riuscivo a sgattaiolare dietro il divano per vedere qualche immagine di Studio Uno di cui sentivo sempre parlare. Implorai mio padre perché mi portasse alle prove. Una volta mi ci portò, dandomi il senso che lavorando tanto, in qualche modo, c’era la possibilità che i sogni diventassero realtà”.

Bellissima, questa miniserie, che ci ha coinvolto personalmente, perché anch’io,  quando sono arrivata in Rai, prima di essere assunta,  ho vissuto esattamente le stesse speranze, aspettative, illusioni e …disillusioni, che ho amato tutte intensamente per tanti anni.
Vi consigliamo di non perdere  il 13 ed il 14 febbraio in prima serata su Raiuno, C’era una volta Studio Uno, con Alessandra Mastronardi, Diana Del Bufalo, Giusy Buscemi, Edoardo Pesce, Domenico Diele, Andrea Bosca, Gianmarco Saurino, Giampaolo Morelli, Simone Gandolfo, Enrico Ianniello, ed Antonello Fassari  per ritrovare, assieme ai giovani  protagonisti,  sogni e speranze strettamente intrecciati con la storia di un Paese in pieno boom economico coniugato  con lo scintillante mondo dello spettacolo e della televisione.

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteIntervista con Gianluca Guidi e Giampiero Ingrassia
Prossimo articoloMeret Oppenheim al LAC Lugano
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento

Rispondi