#Carta Bianca late show su Raitre

0
331

Domani, martedì 21 febbraio 2017, debutta in prima serata su Raitre alle 21,15 #Cartabianca, il late show in tre segmenti in cui Bianca Berlinguer incontrerà personaggi dello spettacolo, dell’intrattenimento e della cultura usando però un taglio  completamente diverso per le interviste, rispetto ai primi due segmenti.

Lo hanno annunciato oggi  in tandem Daria Bignardi, direttore di Raitre in collegamento da Milano e Bianca BerlinguerPast director di Raitre dal Salone degli Arazzi di viale Mazzini a Roma. La Bignardi, ha esordito dicendo che il programma si chiamerà Cartabianca a colori, ma subito da Roma interviene Bianca ribadendo che il titolo, seguendo i consigli dei suoi autori, si ferma a Cartabianca, anche se il direttore scherza che le piaceva di più con l’aggiunta di ‘A colori’ perché più… poetico.

Entrando in tema Bignardi ha sottolineato che la striscia pomeridiana ha riscosso un buon successo con quasi il 9% di share, in cui “Bianca ha trovato un suo linguaggio, un’idea di comunicazione totalmente nuova e assolutamente non scontata, dopo tanti anni di direzione del tg. Così è venuto naturale chiederle, proprio in un momento come questo in cui abbiamo bisogno di un approfondimento della politica, un progetto che torni ad occupare la prima serata”.

Dopo un attimo di riflessione il direttore riprende puntualizzando che “è inutile nascondere che l’esperimento del formato breve e del volto nuovo non è riuscito. Questa mia scelta. così radicale, è stata forse troppo audace. Abbiamo fatto tante ricerche che ci hanno confermato che il pubblico preferisce un passo più disteso e più tempo per approfondire. Quindi torniamo al formato dell’intera serata per il nuovo martedì sera di Rai3 con tanti temi e declinazioni”.

Dal canto suo Berlinguer aggiunge che “questo non sarà un talk show, con cinque, sei ospiti  che si scontrano urlando perché quello, ormai, è un genere ormai tramontato dappertutto. Cartabianca sarà invece una trasmissione divisa in 3 segmenti con un unico filo narrativo, il primo composto da un faccia a faccia, il secondo sarà un duello, un confronto cioè su un tema di attualità  che domani sarà il lavoro, mentre il terzo segmento ospiterà un  alleggerimento con ospiti non politici che daranno opinioni anche sulla politica. Con noi, domani sera, Fiorella Mannoia”.

Almeno sulla carta sembrerebbe un programma d’approfondimento senza urla e litigi… E, come sottolinea il direttore Bignardi, “I primi due segmenti saranno monitorati, attimo per attimo,  da un gruppo di ascolto, selezionato dall’istituto di sondaggi IPR Marketing, per stabilire in tempo reale, se la tv è in grado di percepire il pensiero e, soprattutto, il gradimento  degli spettatori”.

Una prova molto impegnativa – interviene Berlinguer, “arriveremo fino al 27 giugno mantenendo anche la fascia pomeridiana. In quanto ai primi ospiti domani ci saranno nel primo segmento un esponente importante dei 5 stelle e Massimo D’Alema, poi, per il duello Maurizio Landini e Guido Martinetti, quindi Fiorella Mannoia che considero l’ospite più importante del programma e che faremo vedere dallo Zecchino d’oro degli inizi, fino alla recentissima San Remo. Oltre a Gabriele Corsi ci sarà poi un collegamento con Enrico Bertolino che dovrebbe essere una presenza fissa, ma il suo ruolo potrebbe cambiare nel corso delle puntate. Domani poi ci sarà anche Michele Placido autore di 7 minuti.

Appuntamento dunque a domani alle 21,15 su Raitre per la prima puntata serale di Cartabianca. Siamo tutti curiosi di vedere come sarà modulato…un personaggio divertente e completo come Enrico Bertolino di cui rimpiangiamo sempre i suoi  intelligentemente spiritosi  programmi.

Mariangiola Castrovilli

Condividi
Articolo precedenteI programmi televisivi del week-end dal 17 al 19 febbraio
Prossimo articoloL’illusione del lontano west a Malaga
Mariangiola Castrovilli
Giornalista giramondo con scoop come le interviste al fratello dell'ultimo imperatore cinese Aisin-Gioro Puren durante la protesta di piazza Tienanmen a Pechino e al generale israeliano Moshe Dayan dopo la guerra dei 6 giorni. Per la Rai in diretta radio e tv, è stata l'unica giornalista donna al mondo a volare a due volte la velocità del suono su un tornado, correre con una Ferrari 40 a 324 Kmh sul circuito di Maranello. Inoltre è stata l'unica giornalista a bordo del MB-339 Aermacchi della pattuglia acrobatica delle Frecce Tricolori. É membro del SNGCI.

Nessun commento

Rispondi