A tu per tu con Francesco Gabbani a Sanremo

0
314

Francesco Gabbani presenta il suo Occidentali’s karma. Il simpatico cantautore Francesco Gabbani, l’anno scorso tra le Nuove Proposte e quest’anno fra i Big, parla del suo brano un po’ fuori dal coro, come sempre. Visum l’ha intervistato.

Francesco Gabbani, dopo il successo dell’anno scorso fra le Nuove Proposte con il brano Amen, quest’anno è tornato a Sanremo, questa volta tra i Big, con un altro particolare brano Occidentali’s karma. Al primo ascolto era sembrato un brano che facesse il verso a Battiato; poi riascoltato con gli altri pezzi di questo Festival ha fatto la sua bella figura, una bella boccata d’aria ritmica ironica, con un minimo di messinscena nella danza folle di uno scimmione d’accompagnamento.
Il pezzo viene già trasmesso nelle varie radio e potrebbe puntare almeno al podio, anche se i soliti bene informati dicono che sia riservato a Fiorella Mannoia, Fabrizio Moro, Elodie, forse anche a Sergio Sylvestre. Staremo a vedere chi la spunterà. Visum ha intervistato Francesco Gabbani.
Francesco, parlaci di questo brano un po’ fuori da coro. Sbaglio?
Durante le prove, ascoltando i pezzi in gara, ad un certo punto ho capito di aver fatto qualcosa, giustamente, come tu hai detto, fuori dal coro, dal clima di questa edizione. Ma non tocca a me valutare se la diversità è un valore positivo o negativo, se sono fuori dal coro o fuori di testa”.

In conferenza stampa hai distribuito ai giornalisti maschere da King Kong. Un’iniziativa divertente.
Sono sarcastico di natura, anche se affronto un argomento serio come quello del declino del fronte occidentale, che cerca nella spiritualità orientale un riposo, ma piegandolo alle sue esigenze superficiali”.

 

 

 

Tu la superficialità la sfiori, specialmente quando fai la citazione, il verso sulla “danza della scimmia nuda.
Il mio è un pezzo coreografato, che giustifica la citazione della ‘danza della scimmia nuda’. E’ una citazione di un libro fondamentale di Desmond Morris, antropologo che vede l’uomo come un primate in crisi, che segue nella vita sessuale e sociale i modelli di comportamento fissati dai suoi antenati scimmioni cacciatori”.

Giancarlo Leone

Nessun commento

Rispondi